Search

La condizione di Haiti, paradigma del nostro tempo

La condizione di Haiti, paradigma del nostro tempo
Come possiamo descrivere le enormi contraddizioni della nostra contemporaneità? Credo che usare metafore e similitudini sia sempre un buon compromesso tra una spiegazione semplice e la complessità che necessariamente deve essere chiarita e semplificata. Credo, quindi, che utilizzare Haiti come paradigma utile a spiegare le contraddizioni del nostro tempo possa garantire quel compromesso fra la complessità in atto e la necessità di fare i conti con le poche righe di questo articolo. Haiti rappresenta un tema continuamente dibattuto su giornali e riviste di varia natura e la sua continua attualità risulta dalla situazione di costante precarietà ed emergenza. Qualche numero... Leggi tutto

Perché non abbiamo bisogno di miti. Sul fraintendimento del “Modello Riace”.

Perché non abbiamo bisogno di miti. Sul fraintendimento del “Modello Riace”.
Un’altra volta, siamo tutti Mimmo Lucano. Ieri palestinesi, ieri l’altro curdi, domani zapatisti, stamane LGBTQ+ ma oggi ci caleremo la maschera del primo cittadino riacese condannato a 13 anni di reclusione. La maschera sì, perché Mimmo pagherà (speriamo di no) sulla sua pelle il tentativo di rendere più umano il sistema ministeriale dei Cas e degli Sprar. I fans di Lucano, al contrario, faranno l’ennesima manifestazione di solidarietà, acquisteranno l’ennesima maglietta e poi torneranno alle loro case, pensando alle loro cose. Dal momento che non è nostro interesse incensare o lapidare nessuno – non è nelle nostre corde – optiamo... Leggi tutto

Fantascienza for future

Fantascienza for future
BRUNNER, John, Il Gregge Alza la Testa (The Sheep Look Up), Milano, Edizioni Nord, 1972. Il gregge alza la testa, ed è digiuno, nel vento aspira una nebbia mefitica, marcio di dentro, colpito dal contagio. (MILTON, John, Lycidas, 1637) Il romanzo che andremo a riscoprire è stato collocato dall’Editrice Nord, non a caso, come “romanzo d’anticipazione”. Fa parte di una trilogia dedicata a tre distinti problemi sociali. Nei precedenti, Tutti a Zanzibar dove si affrontava il tema della sovrappopolazione e L’Orbita Spezzata, dove il tema in oggetto è quello del razzismo, Brunner si dimostra profetico nel descrivere e dar vita... Leggi tutto

Un’insoddisfazione crescente. Alcune note sull’astensionismo.

Un’insoddisfazione crescente. Alcune note sull’astensionismo.
I dati di un’astensione sempre crescente alle ultime elezioni locali quest’anno segnalano una situazione dalle caratteristiche particolari: mentre si vociferava insistentemente di una vittoria a mani basse del centrodestra, l’aumento dell’astensionismo sembra avere questa volta interessato maggiormente proprio gli elettori del centrodestra, favorendo una rimonta generalizzata delle coalizioni di centrosinistra. Una premessa necessaria: “destra”, “centro”, “sinistra” e le loro combinazioni sono, oggettivamente, minime varianti di una destra neoliberista: la “sinistra” è, sostanzialmente, una destra snob che fa esattamente le stesse cose della destra esplicita ma dicendole in maniera meno volgare e/o affermando di esservi costretta da necessità contingenti – di... Leggi tutto

La condizione operaia. Il senso di uno sciopero

La condizione operaia. Il senso di uno sciopero
Parlare di condizione operaia contemporanea rischia di essere un esercizio pretenzioso e c’è la seria probabilità di dire banalità anacronistiche. Tuttavia dal mio parziale punto di vista – da operaio dei servizi che lavora principalmente nell’ambito dell’assistenza tecnica – tenterò, in maniera molto pratica e poco ideologica, di descrivere i cambiamenti pratici che influiscono sia sul quotidiano sia in prospettiva, che modificano cioè la percezione del proprio presente e futuro lavorativo. Di sicuro, e qui rischio forse una banalità, la condizione comune è il senso di incertezza e di impotenza di fronte a cambiamenti epocali nella gestione produttiva che rende... Leggi tutto

La sanità verso lo sciopero dell’11 Ottobre

La sanità verso lo sciopero dell’11 Ottobre
Sono trascorsi ormai due anni da quando improvvisamente siamo stati catapultati in questa situazione di emergenza, la quale non ha risparmiato nessun settore, sia lavorativo sia della società. Sembra scontato affermare che tutti quanti siamo stati colti impreparati nell’affrontarla, partendo dai primari di ogni reparto fino agli addetti alle pulizie, dell’esistenza dei quali peraltro solo con molto ritardo il mondo si è accorto, e di quanto valore e importanza avesse avuto il loro lavoro. Sfruttati fino al midollo e mal pagati mentre tutti cercavano gli eroi da osannare. Mai ci era capitato di dover assistere a una situazione di emergenza... Leggi tutto

Verso i punti di non ritorno?

Verso i punti di non ritorno?
Ogni conferenza delle Parti della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (COP) è preceduta da un incontro preparatorio che si tiene qualche settimana prima ed è per questo chiamato Pre-COP. L’Italia ha ospitato l’evento presso il Centro Congressi di Milano, MiCO, dal 30 settembre al 2 ottobre 2021. La Pre-COP riunisce i ministri di una cinquantina di paesi, i rappresentanti del Segretariato dell’UNFCCC, i presidenti degli Organi Sussidiari della Convenzione e una serie di “attori” della società civile impegnati nelle questioni legate al cambiamento climatico e alla transizione verso lo sviluppo sostenibile. I convenuti, in questo contesto, hanno... Leggi tutto

Note bandite: antimilitarismo 4. Viva Masetti, abbasso l’esercito. Il colonialismo in Libia di ieri e di oggi

Note bandite: antimilitarismo 4. Viva Masetti, abbasso l’esercito. Il colonialismo in Libia di ieri e di oggi
Nel 1911 il governo Giolitti diede inizio a un’impresa coloniale per conquistare la Libia. La campagna militare venne proposta come un’occasione per riscattare tutti gli errori e le sconfitte delle precedenti imprese coloniali. Una vera vittoria in Libia arriverà però solo dopo 20 anni, con i massacri di Graziani, questa è però un’altra storia. Un secolo dopo, nel 2011, l’Italia riprende i bombardamenti sul paese governato da Gheddafi. Ancora oggi il Parlamento approva missioni militari all’estero mascherando non più di tanto la propria politica guerrafondaia come “missioni di pace” e “interventi umanitari”. Dopo cento anni la solfa non cambia: oppressioni... Leggi tutto

Recensione: il terzo testo delle opere di Berneri

Recensione: il terzo testo delle opere di Berneri
L’Inquieta Attitudine. Camillo Berneri e la Vicenda Politica dell’Anarchismo in Italia. Terzo libro: “Nei Primi Anni Venti su Rivoluzione Russa e Dintorni“. Edizioni Kronstadt (1 copia 6 euro; 5 copie 25 euro; 10 copie 40 euro) Per richiedere il libro scrivere a: sclaudio65@gmail.com. Negli anni 1921 e 1922, l’anarchismo italiano si trova di fronte all’offensiva squadristica del fascismo, mentre sullo sfondo stanno progressivamente tramontando le grandi speranze che la rivoluzione russa aveva suscitato. Il manganello fascista e la consapevolezza del carattere sempre più dispotico del regime bolscevico determinano un significativo cambio di fase rispetto al precedente biennio rosso e rossonero,... Leggi tutto

Il greenwashing dell’Unione europea. Gli aumenti del prezzo delle bollette.

Il greenwashing dell’Unione europea. Gli aumenti del prezzo delle bollette.
È indubbiamente anomalo che un ministro in carica annunci l’aumento del prezzo delle bollette della luce. Neanche quando l’ENEL era il monopolista del settore ed era direttamente controllato dal governo, si è mai sentito un ministro fare un’affermazione del genere: si preferiva lasciare all’utenza la sorpresa dell’aumento del prezzo e si evitavano contraccolpi in termini di consenso politico. Oltre alla preoccupazione di chi sarebbe stato strangolato dagli aumenti, ha perciò destato stupore il fatto che l’annuncio che le bollette della luce sarebbero aumentate del 40% fosse stato fatto dal Ministro per la Transizione Ecologica, Roberto Cingolani. Che l’annuncio giungesse a... Leggi tutto

Antimilitarismo e anticapitalismo. Quando svanisce la sintesi.

Antimilitarismo e anticapitalismo. Quando svanisce la sintesi.
È sempre più ostico in questa fase storica definire l’antimilitarismo fuori dell’etica pacifista. Vuoi per la narrazione mediatica degli orrori dei vari conflitti, vuoi per le condizioni delle popolazioni dei teatri di guerra. Miseria, emergenze sanitarie e migrazioni di massa fanno da paravento alle reali motivazioni che innescano i conflitti. Si passa quindi alla retorica dell’esportazione della democrazia, all’intervento per salvare questa o quella popolazione e a tutta la retorica giustificazionista per motivare oltre ogni ragionevole dubbio l’impiego razionale della violenza di massa. Spesso, davanti all’infamia della guerra e degli attentati, fa necessariamente capolino l’anima bella di shilleriana memoria, e... Leggi tutto

GKN dopo la sentenza. Fra rappresentazione mediatica e potenzialità rivoluzionaria.

GKN dopo la sentenza. Fra rappresentazione mediatica e potenzialità rivoluzionaria.
Questo articolo è stato scritto all’indomani della manifestazione di sabato 18 settembre e non è stato pubblicato sul numero precedente di Umanità Nova perché arrivato in ritardo in redazione. La settimana successiva si è caratterizzata per il fatto che il Tribunale di Firenze ha accolto il ricorso presentato dalla FIOM CGIl, invalidando la procedura seguita dalla dirigenza GKN per la chiusura dell’azienda. Mi sembra che si tratti di un successo di facciata, perché la GKN ha subito avviato la procedura prevista dagli accordi nazionali, confermando la volontà di arrivare alla chiusura dello stabilimento di Campi Bisenzio e al licenziamento di... Leggi tutto

La scuola è in fermento. Verso lo sciopero generale dell’11 Ottobre

La scuola è in fermento. Verso lo sciopero generale dell’11 Ottobre
Ci avviciniamo a grandi passi allo sciopero generale del prossimo 11 ottobre, che riguarderà naturalmente anche tutte le lavoratrici e i lavoratori del comparto scolastico e delle strutture educative. Innanzitutto è importante sottolineare che questo sarà il primo sciopero, dopo diversi anni, proclamato dall’insieme delle sigle che compongono il sindacalismo di base e conflittuale. Un fatto non banale e non scontato, poiché le differenze – anche non marginali – tra le diverse organizzazioni sindacali hanno fatto sì che negli ultimi anni non si arrivasse a costruire iniziative unitarie così vaste e plurali. Nel mondo della scuola già lo scorso anno... Leggi tutto

Mentre la Grecia brucia lo stato consolida il suo potere

Mentre la Grecia brucia lo stato consolida il suo potere
In Grecia, questa estate, mentre i peggiori incendi degli ultimi decenni erano fuori controllo, i casi di COVID-19 sono aumentati, guidati da un’economia dipendente dal turismo e da un movimento anti-vaccino simile a quello degli Stati Uniti. Nel frattempo, nella sua posizione di guardiano dell’immigrazione Europea, il governo greco continua a dare risposte autoritarie alla crisi umanitaria. Tuttavia, le catastrofi ecologiche potrebbero presto mettere molti greci in una situazione analoga a quella in cui si trovano oggi i rifugiati . Da questo punto di vista, la situazione in Grecia ci offre uno sguardo su un futuro distopico in cui governi... Leggi tutto

Il sonno della ragione genera davvero mostri

Il sonno della ragione genera davvero mostri
Anche se in misura minoritaria – la cosa è evidentemente molto più marcata, a livello nazionale come internazionale, man mano che le persone inclinano sempre più verso destra – il movimento che si richiama a idee rivoluzionarie di sinistra è attraversato da singoli e da alcune aree che si schierano su posizioni NoVax, FreeVax, BohVax; vale allora la pena di articolare il ragionamento in base al quale queste posizioni sono preoccupanti. La questione non è legata tanto alla posizione in sé ma: da un lato, alle argomentazioni con cui si cerca di supportarle, del tutto composte da notizie false, fallacie... Leggi tutto
1 2 3 188