Search

Per il mutuo appoggio

Per il mutuo appoggio
Nelle giornate del‭ ‬28‭ ‬e‭ ‬29‭ ‬agosto,‭ ‬a Milano,‭ ‬l’USI Educazione ha continuato il suo percorso di lotta‭ ‬ in prospettiva del continuo attacco del capitale alla libertà e alle conquiste dei lavoratori in decenni di lotte. Per essere in grado di meglio affrontare questo difficile periodo che ci attende,‭ ‬dopo le grandi mobilitazioni dello scorso anno che ci hanno visto in prima linea nelle piazze,‭ ‬sui luoghi di lavoro,‭ ‬ nonché nelle necessarie attività di studio e analisi del presente,‭ ‬abbiamo depositato,‭ ‬nella giornata del‭ ‬28‭ ‬il nostro statuto di sindacato di settore,‭ ‬presso uno studio notarile.‭ ‬Ringraziamo,‭ ‬pertanto,‭ ‬l’intera Unione... Leggi tutto

EXPOlizia 2015: al via le liste di proscrizione

EXPOlizia 2015: al via le liste di proscrizione
Nonostante la cappa di silenzio che ormai circonda tutto quello che riguarda in negativo Expo 2015 grazie alle compiacenze servili di gran parte dei mass media, la grave vicenda che ha riguardato oltre 600 lavoratrici e lavoratori sta finalmente diventando di dominio pubblico. Da sempre, come USI-AIT, abbiamo denunciato e contrastato il modello di relazioni di lavoro che Expo 2015 portava con sé. Con la complicità e l’assenso dei sindacati di Stato confederali, si sono applicati contratti di lavoro indecenti aventi norme e retribuzioni salariali di molto al di sotto degli stessi standard di settore. Nonostante questo, dopo un estenuante... Leggi tutto

Senigallia, presidio dell’USI

Senigallia, presidio dell’USI
Si è tenuto a Senigallia, nella mattinata di sabato 20 giugno un lungo presidio in piazza da parte dell’Unione Sindacale Italiana USI-AIT delle Marche contro il licenziamento dei due lavoratori cimiteriali di Senigallia (iscritti all’USI) non riassunti dalla nuova cooperativa (Dinamica di Foligno) a cui è stata affidato l’appalto (al massimo ribasso) dei lavori cimiteriali a Senigallia, Roncitelli e Montignano. Una trentina di attivisti dell’USI hanno manifestato nella centrale piazza Roma esponendo striscioni, cartelli e bandiere. Al microfono sono intervenuti il segretario nazionale dell’USI-AIT (Franco Bertoli) ed Enrico Moroni denunciando le gravi responsabilità del comune, della giunta Mangialardi e della... Leggi tutto

La nuova sanità di Rossi: al peggio non c’è mai fine!

La nuova sanità di Rossi: al peggio non c’è mai fine!
Ticket – liste di attesa – mobilità del personale e dei pazienti – tagli – sanità privata La riforma della sanità toscana (legge regionale 28 del 2015), voluta dal Presidente Rossi e recentemente approvata dal Consiglio Regionale, andrà ad aggravare quei problemi che la sanità toscana ha vissuto a partire dalle riforme avviate nei primi anni ’90. La Toscana si vanta da sempre di essere una roccaforte della sanità pubblica, rispetto alla Lombardia, regno della sanità privata. Ma gli utenti ed i lavoratori della sanità toscana sanno bene che non è così! Fin dagli anni ’90 la Toscana ha adottato... Leggi tutto

Una grande lezione di dignità

Una grande lezione di dignità
Quella che documentiamo è una storia paradigmatica di tante cose:‭ ‬il lavoratore cosciente che si sbatte in fabbrica fino a divenire un problema per il padrone ma sempre inattaccabile sul piano lavorativo ed etico‭; ‬il padre del padrone‭ (‬più‭ ‬2‭ ‬energumeni‭) ‬che ad un certo punto gli mettono le mani addosso e lo cacciano per motivi pretestuosi‭; ‬i colleghi che,‭ ‬spaventati,‭ ‬non testimoniano‭ (‬lasciandoci a dire il vero in difficoltà‭); ‬lui che di tornare lì non ne ha più voglia perché,‭ ‬come dice lui,‭ “‬ha dignità‭”‬.‭ ‬Ed è vero.‭ ‬Una piccola grande storia di normalità lavorativa nell’epoca del‭ “‬jobs act‭”‬.‭... Leggi tutto

Dietro la lavagna di Renzi

Dietro la lavagna di Renzi
A seguito dei numerosi attacchi alla riforma “La Buona Scuola”portati avanti da studenti e docenti, il Presidente del Consiglio Renzi non ha trovato di meglio da fare, se non allestire l’ennesimo show televisivo in cui lui, e non il Ministro dell’Istruzione Giannini, spiega, in uno scenario precostruito, i fini e gli obiettivi del suo governo in materia di istruzione. Ebbene, Renzi può mettere in scena ciò che meglio crede, ma assolutamente non può far passare per riforma scolastica la “sua”: una riforma che non parla affatto di “didattica” e che assomiglia sempre di più ad un piano di organizzazione della... Leggi tutto
1 3 4 5