Search

Expo‭ ‬2015

Expo‭ ‬2015
Dalla sera alla mattina,‭ ‬spente le luci sull’albero della vita,‭ ‬l’interesse della stampa,‭ ‬della politica,‭ ‬della finanza,‭ ‬s’è diretto altrove.‭ ‬Dietro le operazioni di smontaggio del sito e il bilancio pubblicato da Expo‭ ‬2015‭ ‬SpA c’è però dell’altro. La scorsa settimana l’ex amministratore delegato‭ (‬nonché commissario unico‭) ‬di Expo‭ ‬2015,‭ ‬Giuseppe Sala,‭ ‬ha presentato alla stampa,‭ ‬contro ogni previsione,‭ ‬un bilancio roseo dell’evento:‭ ‬14‭ ‬milioni di attivo.‭ ‬Proviamo a entrare nel merito‭? Per scardinare la narrazione mediatica del successo basterebbe ricordare che la grande kermesse meneghina è costata oltre due miliardi a fronte di‭ ‬736‭ ‬milioni di ricavi:‭ ‬un passivo... Leggi tutto

Rompere le catene di‭ ‬Expo

Rompere le catene di‭ ‬Expo
Se qualcuno credeva che la‭ ‘‬sensibilità istituzionale‭’ ‬per la quale Renzi ha ringraziato la procura milanese,‭ ‬fosse dovuta all’assenza di indagini sul malaffare legato ad Expo nel periodo della manifestazione,‭ ‬si è dovuto prontamente ricredere dopo gli arresti dei giorni scorsi nei confronti di un gruppo di giovani. Infatti cosa si è voluto dimostrare con lo spettacolo offerto da polizia e magistratura nello sbandierare filmati,‭ ‬fotografie,‭ ‬metodi di indagini basati su DNA,‭ ‬se non quello di sviare l’attenzione della pubblica opinione dall’autentico scandalo rappresentato da Expo con i suoi buchi di bilancio colossali,‭ ‬con le sue speculazioni immobiliari,‭ ‬con i... Leggi tutto

“Modello Expo” ? No grazie!

“Modello Expo” ? No grazie!
31 Ottobre 2015, la Grande Kermesse è finalmente terminata in un vero e proprio tripudio, tanto da spingere Renzi a dichiarare entusiasticamente “Ha vinto l’Italia che non scappa davanti alle sfide, ma le affronta e le vince. Grazie Expo. Viva Milano, Viva l’Italia”, magnificando il risultato di una Esposizione che, a suo dire, ha consegnato al mondo intero l’immagine di una Italia in piena ripresa. Un esito più che scontato (0 quantomeno spacciatoci come tale, dato che i reali risultati economici, se mai arriveranno, arriveranno a babbo morto); ne andava infatti della reputazione stessa del Governo che, in caso contrario,... Leggi tutto

Milano, una App per l'Expo

Milano, una App per l'Expo
Come abbiamo più volte riportato su questa pagina, l’Expo appare in tutto e per tutto come una zona franca al cui interno, in materia di stipendi, diritti e normali libertà sindacali, ogni genere di deroga è ammessa, quasi fosse un laboratorio nel quale vengono testate le capacità di reazione dei lavoratori di fronte allo sfruttamento più bieco. Un fenomeno che peraltro non è rimasto circoscritto alla zona dell’esposizione ma si è propagato anche al di fuori di questa in nome di uno stato di eccezione che tutto ha travolto sotto lo sguardo compiaciuto delle autorità di ogni livello e delle... Leggi tutto

EXPOlizia 2015: al via le liste di proscrizione

EXPOlizia 2015: al via le liste di proscrizione
Nonostante la cappa di silenzio che ormai circonda tutto quello che riguarda in negativo Expo 2015 grazie alle compiacenze servili di gran parte dei mass media, la grave vicenda che ha riguardato oltre 600 lavoratrici e lavoratori sta finalmente diventando di dominio pubblico. Da sempre, come USI-AIT, abbiamo denunciato e contrastato il modello di relazioni di lavoro che Expo 2015 portava con sé. Con la complicità e l’assenso dei sindacati di Stato confederali, si sono applicati contratti di lavoro indecenti aventi norme e retribuzioni salariali di molto al di sotto degli stessi standard di settore. Nonostante questo, dopo un estenuante... Leggi tutto

Farsa o realtà

Farsa o realtà
Pubblicità Progresso: EXPO, il ristorante più grande del mondo alle porte di Milano. Una festa con 7 miliardi di invitati. Alla faccia dei rosiconi, EXPO funziona ed è motivo di vanto per il sistema Italia. Bene. Ma allora perché quando arrivano non gli 8 milioni di stranieri previsti per l’evento, bensì i 25.000 disperati degli ultimi due mesi, fuggiti da guerre e carestie andiamo in affanno? E scopriamo di avere il braccino corto? E viene fuori che il vero sport nazionale nel quale siamo campioni non è il calcio ma lo scaricabarile: sono accampati nel TUO comune non nel mio,... Leggi tutto

A Milano è vietato scioperare ?

A Milano è vietato scioperare ?
Nonostante che lo sciopero indetto dalla Cub Trasporti per la giornata del 28 aprile scorso avesse ampiamente dimostrato come la maggioranza dei tranvieri milanesi è fermamente contraria all’accordo “Expo” siglato il 13 aprile tra Comune e le altre sigle sindacali (vedi UN 17/95), ancora una volta la Prefettura è intervenuta pesantemente nella vertenza precettando i lavoratori lo scorso 11 Giugno, così come li aveva precettati in occasione dello sciopero indetto dalla USB il 15 maggio e nella giornata del 14 aprile, per uno sciopero indetto sempre dalla Cub. La precettazione è cosa che – almeno in teoria – dovrebbe essere... Leggi tutto

Simboli della civiltà contemporanea

Simboli della civiltà contemporanea
In Italia,‭ ‬per il momento,‭ ‬di Esposizioni Universali ce ne son state due:‭ ‬l’odierna‭ – ‬molto anglicizzata dal nome,‭ ‬ma soprattutto dagli sponsor delle multinazionali‭ – ‬che si sta svolgendo a Milano,‭ ‬e quella svoltasi a Roma nel‭ ‬1942‭; ‬pertanto,‭ ‬si potrebbe osservare che ogni qual volta il Belpaese ospita l’esposizione universale la crisi mondiale imperversa,‭ ‬ma non vorremmo fare i soliti‭ “‬gufi‭” ‬per non dispiacere al Gran Cazzaro di Firenze e stare allegri perché il nostro piangere‭ … Pure,‭ ‬ci corre lo sfizio di confrontare le due esposizioni a partire dai simboli che li rappresentano:‭ ‬l’Albero della vita per... Leggi tutto

Le schedature e altro ancora

Le schedature e altro ancora
La scabrosa questione delle‭ “‬liste di proscrizione‭”‬,‭ ‬applicate con puntiglio nella selezione della manodopera addetta ai padiglioni dell’Expo,‭ ‬non accenna a quietarsi a dispetto della fitta cortina di silenzio che la circonda. Riassumendo,‭ ‬le prime notizie erano state rivelate da una nota radio milanese,‭ ‬in seguito riprese da alcuni organi di informazione di secondo o terzo livello ma anche dalla stampa del gruppo De Benedetti‭ (‬Repubblica ed Espresso‭)‬,‭ ‬che avevano dato spazio‭ ‬-‭ ‬una tantum‭ ‬-‭ ‬alla notizia,‭ ‬forse più per un tentativo di smarcarsi dal gregge e poter fare così bella figura nei confronti dei lettori più democratici che... Leggi tutto

Liste di proscrizione all'Expo

Liste di proscrizione all'Expo
          Non passa giorno senza che l’Expo ci stupisca con i suoi effetti speciali:‭ ‬l’ultimo in ordine di tempo è quello delle‭ “‬liste di proscrizione‭”‬,‭ ‬una faccenda dalle tinte kafkiane che rivela quale sia la reale essenza della esposizione internazionale di casa nostra. Ricostruire la vicenda non è cosa semplice data la pervicace ritrosia della grande stampa a dare un’immagine dell’Expo che non sia quella di una paciosa e festaiola kermesse al cui interno si aggirano famigliole stupefatte e torme di indaffarati volontari. Ma veniamo ai fatti,‭ ‬secondo quanto è stato rivelato da alcuni organi di... Leggi tutto

No Expo

No Expo
L’agire rivoluzionario, nell’attraversare un percorso di trasformazione radicale delle relazioni politiche e sociali, è, costitutivamente, anche narrazione. La diffusione e l’accessibilità pressoché universale di strumenti di comunicazione ha enormemente amplificato il carattere discorsivo dell’azione di piazza. Sottile è il confine tra rappresentazione e rappresentanza. Su questo confine si giocano partite di egemonia, che spesso sfuggono all’analisi e al controllo di chi partecipa alle iniziative, pur avendo contribuito a costruirle. Il dibattito/scontro sul Primo Maggio milanese si inceppa su una faglia solida ma prismatica, dove si intrecciano più piani. Uno è quello dei media, che, come cinicamente rilevava qualche amante del... Leggi tutto

Expo: la lotta continua

Expo: la lotta continua
“Devastazione e saccheggio”, parole forti, parole da quindici anni di galera per chi viene beccato con la mazzetta in mano, per chi è stato preso nel mucchio del riot cittadino, nei pressi di una vetrina infranta o di un auto in fiamme o, a posteriori, ne verrà riconosciuta la presenza attraverso analisi fotografiche e video. Chi ci sta lo sa. A chi devasta territori e ambiente, a chi saccheggia le risorse comuni, a chi ci fa morire di amianto, d’inquinamento, di discariche abusive, a chi ha un altro tipo di “mazzette” in mano, sappiamo bene che lo Stato e i... Leggi tutto

Expropriamo Expo

Expropriamo Expo
Ormai ci siamo. Che si alzi il sipario e lo spettacolo vada in scena. Di che spettacolo stiamo parlando è notorio ai più. Il “mega evento”, la “grande opera”, la “kermesse” ecc. denominata EXPO 2015 prende il via proprio oggi che per tutt* noi, partigian* della lotta di liberazione delle classi subalterne, è invece giornata internazionalista di festa ma soprattutto di lotta. Che cosa sia in realtà EXPO lo abbiamo ampiamente scritto, divulgato, dibattuto sia su U.N. ma soprattutto in un lavoro incessante e itinerante per tutta Italia e non solo. Un lavoro informativo ma soprattutto contro informativo visto le... Leggi tutto

Il rapporto tra scuola e lavoro al tempo di Expo

Il rapporto tra scuola e lavoro al tempo di Expo
Nella prima pagina del numero scorso di U.N. a grandi linee si è esplicitato i motivi generali della nostra contrarietà e opposizione radicale ad Expo. Nelle righe che seguiranno, cercherò di illustrare un aspetto particolare del cosiddetto “paradigma Expo” ossia cosa lega il mondo dell’istruzione alla kermesse. Per farlo è necessario scandagliare e interpretare quello che, in calce, è stato scritto nel famigerato protocollo siglato il 23 luglio 2013 con complicità sindacale confederale. Nello specifico, all’articolo 4, si esplicita che la strarande maggioranza dei contratti applicati saranno inquadrabili in forma di apprendistato da un minimo di 7 ad un massimo... Leggi tutto

No Expò, costruire la lotta

No Expò, costruire la lotta
NUTRIRE IL PIANETA ENERGIE PER LA VITA La dichiarazione sopracitata, slogan dell’EXPO 2015, se non fosse tragica sarebbe comica. Gli sponsor ufficiali dell’evento, che come si cercherà di definire va oltre l’evento stesso per divenire un “dispositivo”, sono le imprese multinazionali, le quali, intervenendo nei più disparati modi, sono coloro che hanno moltiplicato la malnutrizione del pianeta ed hanno perpetrato il furto delle risorse e delle fonti energetiche, per i loro profitti, smania di comando, disprezzo della vita. Dall’italiana ENEL, che continua ad usare fonti fossili per produrre elettricità , alla conterranea FINMECCANICA (sistemi d’arma! Energie per -sic!-la vita), La... Leggi tutto
1 2