Search

20 anni dopo il G8… cosa resta di Genova? Radicali e radicati

20 anni dopo il G8… cosa resta di Genova? Radicali e radicati
La memoria dei tre giorni contro il G8 del 2001 a Genova fugge al rischio della ritualità e della celebrazione perché non è mai stata una memoria condivisa e, quindi, pacificata. In quegli anni come anarchic* ci sentivamo parte di un movimento di contestazione globale che alludeva alla possibilità di rinascita di un’internazionale delle lotte, che mettesse in difficoltà non solo i governi ma la stessa governance transnazionale che proprio allora stava consolidando strumenti e trattati. Dal WTO agli accordi sulla proprietà intellettuale, che rendevano commerciabile e brevettabile anche il vivente, la globalizzazione all’alba del terzo millennio andava oltre le... Leggi tutto

Ricerca materiali foto/video su “Anarchici contro il G8”

Ricerca materiali foto/video su “Anarchici contro il G8”
Un gruppo di compagn* della Federazione Anarchica Italiana che ha attraversato tutto il percorso di “Anarchici contro il G8” sta raccogliendo materiale sulle mobilitazioni di quegli anni che ci hanno visti protagonisti o comunque presenti. In particolare cerchiamo foto e video della nostra presenza (spezzoni ai cortei, azioni, striscioni, manifesti ecc) dei seguenti eventi: -24-26 maggio 2000 mobilitazione a genova contro Tebio -12-15 giugno 2000 mobilitazione a bologna contro l’Ocse -2-4 marzo 2001  mobilitazione a trieste contro il G8 ambiente -17 marzo 2001 Global Forum a napoli -9 giugno 2001 corteo a genova di anarchici contro il G8 -19/21 luglio... Leggi tutto

Dal Vajont al crollo del Ponte Morandi

Dal Vajont al crollo del Ponte Morandi
Le continue tragedie che si avvicendano in questo paese a causa della scarsa sicurezza delle infrastrutture dimostra, se mai ce ne fosse stato il bisogno, la necessità di intavolare un serio dibattito sul tema infrastrutturale. Il crollo del Ponte Morandi, le 43 persone morte, i circa 600 sfollati, ci ricordano ancora una volta l’urgenza di riflettere sulle necessità e priorità che vi sono in questo paese. Tra queste vi è senz’altro il tema della sicurezza che, tuttavia, non viene trattato se non per mera speculazione politica. Il problema della sicurezza viene sempre più frequentemente legato a quello dell’immigrazione, della difesa... Leggi tutto

Genova 15 anni dopo

Genova 15 anni dopo
Sono passati quindici anni dalle quattro giornate di Genova‭ ‬2001,‭ ‬un evento che chiunque l’abbia vissuto‭ – ‬soprattutto in prima persona‭ – ‬è difficile da dimenticare,‭ ‬dato il suo valore sia simbolico,‭ ‬sia di angosce materialmente esperite,‭ ‬con i governi del mondo che mostravano il loro vero volto all’interno di una nazione che situazioni simili non le vedevano da alcuni decenni.‭ ‬Non ripercorreremo i fatti di quei giorni,‭ ‬comunque ben noti,‭ ‬se non di sfuggita:‭ ‬cercheremo qui,‭ ‬invece,‭ ‬di rivisitare le potenzialità ed i limiti di quel movimento di allora,‭ ‬che offrì a decine di milioni di individui la speranza... Leggi tutto

Generazione Genova‭

Generazione Genova‭
Questo articolo non è‭ ‬e non vuole essere una risposta alle affermazioni di nessuno,‭ ‬ma una riflessione su una fase storica complessa‭ – ‬quella che si apre all’indomani del G8‭ ‬di Genova,‭ ‬nella quale siamo immersi e della quale,‭ ‬forse,‭ ‬ancora non abbiamo saputo delineare i tratti. Sui presupposti di una lucida corsa verso lo smantellamento di qualunque costrutto teorico e nella fluida ricerca di un non definito ritrovato capace di rompere definitivamente con un non precisato passato,‭ ‬si sono condensati anni di riflessioni sui conflitti sociali e sulle modalità di praticarli.‭ ‬Né è emersa,‭ ‬quindi,‭ ‬la ricerca di conflittualità... Leggi tutto

Alluvioni sistemiche

Alluvioni sistemiche
Le alluvioni, come quella di Genova e Parma sono diventate normali. Secondo Luca Mercalli, noto meteorologo, dovremo imparare a conviverci. Sono trascorsi quasi cinquant’anni dalla disastrosa alluvione di Firenze ma, con un preoccupante aumento di frequenza, gli eventi disastrosi si moltiplicano. Le cause sono sempre le stesse, ma più gravi. Dissesto idrogeologico, causato da cementificazione selvaggia, mancata manutenzione degli alvei dei fiumi, mutamenti climatici almeno in parte innescati dalla follia delle attività produttive, ovvero di quelle abbandonate, sulle colline liguri, un tempo rigogliose di vigne e uliveti, oggi lasciate a se stesse, senza cura del territorio su cui vivevano. D’accordo... Leggi tutto