Search

Bilancio n.23/2018

Bilancio n.23/2018
Bilancio n. 23 ENTRATE PAGAMENTO COPIE ROMAC. Bizzoni€ 100,00 ACRI Libreria Germinal € 160,00 PARMA Gruppo Anarchico A. Cieri€ 50,00 MILANO Federazione Anarchica Milanese € 40,00 BOLZANO A. Mazzullo € 30,00 NAPOLI Centro Studi Libertari Louise Michel € 50,00 REGGIO EMILIA Fai Reggiana € 150,00 BERGAMO Spazio Underground € 120,00 MALEGNO V. Lorengo € 55,00 Totale € 755,00   ABBONAMENTI SAN MARZANO OLIVETOC. Solito (cartaceo) € 55,00 BOVES F. Dalmasso (cartaceo) € 55,00 MARLENGOD. Pietragnoli (cartaceo) € 50,00 MONTAGANO I. Galuppo (cartaceo + gadget) € 65,00 REZZATO G. Gamba (cartaceo) € 50,00 ALBANELLA G. Monaco (cartaceo)€ 55,00 BOVEZZO G. Signorelli... Leggi tutto

La vicenda della nave costiera "Diciotti"

La vicenda della nave costiera "Diciotti"
Dopo essere stata diversi giorni in mezzo al mare, la nave Diciotti della Guardia Costiera con a bordo i/le 177 migranti, attracca al molo di Levante del porto di Catania. Fin da subito nasce spontanea da parte delle individualità e dei gruppi politici catanesi l’idea di organizzare una iniziativa di solidarietà verso i/le migranti sopra la nave. Il famoso evento “Accogliamoli con un arancino” ha avuto una diffusione notevole, portando l’attenzione mediatica nazionale su quanto stava succedendo al porto. La nota positiva finisce qui perchè l’evento di per sé è stata una bella sceneggiata e passerella per i politici del... Leggi tutto

Ho visto anche uno zingaro felice

Ho visto anche uno zingaro felice
Claudio Lolli ci ha regalato oltre quarant’anni di musica pura. Altri artisti sono stati osannati perché capaci di declamazioni più assertive e rotonde, eppure non hanno resistito alla cuccia tiepida predisposta, nei salotti del potere, per tante anime illustri esauste di chissà quali rivoluzioni. Lolli ha avuto sicuramente meno successo di tanti, è stato ritenuto spesso un umbratile sfigato, un dimesso cantore avviluppato nelle angosce metropolitane e niente più; snobbato dai più degni rivoluzionari di cui sopra, ha conosciuto, per dirla con le parole di una sua canzone, “la colpa ed il dolore per non esser mai stato, per nessuno... Leggi tutto

Il feroce ritorno del proibizionismo

Il feroce ritorno del proibizionismo
Il quotidiano inglese The Guardian ha pubblicato a luglio l’elenco dei nomi di oltre 34mila profughi e migranti morti nel Mediterraneo mentre cercavano di raggiungere l’Europa. È un dato parziale che si riferisce solo ai cadaveri che sono stati recuperati e, visto che in caso di naufragio in mare aperto le correnti restituiscono solo dal 20 al 50% dei corpi, con ogni probabilità ci sono altre migliaia di persone che giacciono sui fondi marini. Le cifre di questo spaventoso massacro non bastano certo a placare la sete di sangue e di sofferenze umane della spazzatura leghista e fascista e lo... Leggi tutto

Jurassic network

Jurassic network
Mettere in Rete uno strumento di comunicazione all’inizio dell’estate aggiunge quel pizzico di incoscienza a una impresa che, già in partenza, non è certo di quelle più facili, se poi a fare una mossa del genere è un “gruppo di lavoro di hacktivist* e militant” che fanno “parte di centri sociali, circoli anarchici, esperienze sociali autogestite e hacklab” allora si tratta davvero di una iniziativa che merita attenzione. Quella che segue è una recensione “calda” scritta dopo aver partecipato e aver seguito per quasi tre mesi il sito https://mastodon.bida.im Lo scopo del gruppo di gestione è quello di costruire una... Leggi tutto

Giorgio Brunetti, Educazione alla Libertà

Giorgio Brunetti, Educazione alla Libertà
Una Persona Comune alla Ricerca di Una Coscienza Critica, Nuovadimensione, 2017   Giuseppe Brunetti, una coscienza critica. “Educazione alla libertà” è davvero il titolo più giusto per questo libro: al lettore viene offerta l’opportunità di conoscere il percorso di formazione intellettuale di un uomo che per tutta la vita si è posto domande sulla condizione umana e sulla libertà dell’individuo: Giuseppe Brunetti, infermiere. Quest’uomo era un padre, il padre dell’autore, e l’ha educato alla libertà, appunto. Ma come? Come si educa alla libertà? Par di vedere Giorgio Brunetti che s’immerge nella muta ma eloquente quantità di carta stampata ereditata alla... Leggi tutto

La mia scuola: come era e come l’avrei voluta

La mia scuola: come era e come l’avrei voluta
di Rino Ermini, La Rivolta, pag. 141, Euro 8,00. Fin dalla premessa Ermini utilizza il consueto stile, semplice, chiaro, diretto, sempre adatto a farsi capire da tutti. L’idea base quella di riflettere sulla propria figura d’insegnante partendo dall’esperienza maturata nella scuola media e nelle superiori per poi mettere quanto sperimentato a disposizione di chi, a vario titolo, nella scuola si trova ancora o, con essa, si “confronterà” in futuro. “La mia scuola” è un testo in cui in ogni capitolo, sono undici in totale, si affronta un aspetto di quello che dovrebbe essere il luogo dedicato al massimo sviluppo delle... Leggi tutto

Calpesta il potere

Calpesta il potere
Anche quest’anno il banchetto di Umanità Nova era presente a Roccatederighi in occasione del suo festival dei canti popolari in ricordo di Sante Caserio organizzato dai compagni del coro SedicidAgosto. Questa volta però molt* sono stati i/le compagn* che da tutta Italia sono arrivati alla Rocca per divertirsi, stare insieme e ascoltare il bel canto. Ebbene sì! Ci siamo proprio divertit* abbiamo cantato e ballato sulle note di Stazione Rossa, gli Sparpagliati, Brigata Anarkanti, De’ Soda Sisters, Alessio Lega e Lisetta Lucchini. Che dire poi dei cantori in ottava rima popolare toscana che, come novelli rapper, hanno improvvisato chiedendo l’argomento... Leggi tutto

Presidio antirazzista e striscione contro Benetton

Presidio antirazzista e striscione contro Benetton
Giornata intensa quest’oggi a Trieste. Nel pomeriggio si è svolta nella centrale piazza Unità di fronte alla Prefettura e al palazzo della regione una manifestazione antirazzista. Il presidio era stato indetto da varie associazioni e partiti di sinistra ed ha avuto un notevole successo con varie centinaia di persone presenti (forse mille). Vi è stata una visibile presenza del Gruppo Anarchico Germinal e del Coordinamento Libertario Isontino con tre striscioni e diffusione di Umanità Nova. I compagni le compagne hanno scelto di stare al lato della piazza (e di non aderire ufficialmente all’iniziativa) per marcare la differenza del nostro antirazzismo... Leggi tutto

Appello per il "Progetto di traduzione e pubblicazione in bengalese”

Appello per il "Progetto di traduzione e pubblicazione in bengalese”
Cari compagni! Il movimento operaio anarchico-sindacalista del Bangladesh ha meno di cinque anni, nato dalle ceneri del marxismo-leninismo-trotskismo fallito. Non ci sono ancora libri in bengalese. In Bangladesh, abbiamo quindi preso l’iniziativa di tradurre e stampare qualche libro fondamentale sull’anarchismo, scritti da pensatori anarchici come Mikhail Bakunin, William Godwin, PJ Proudhon, Peter Kropotkin, Emma Goldman, Errico Malatesta, Alexander Berkman, Max Stirner, Élisée Reclus, Noam Chomsky e così via. dato che qui non abbiamo loro copie cartacee, né tantomeno in bengalese. Ma come saprete la maggior parte dei nostri compagni bengalesi proviene da famiglie molto povere, per questo abbiamo scritto questo... Leggi tutto

Nave Diciotti: sconfitto il governo 

Nave Diciotti: sconfitto il governo 
La grande manifestazione del 25 agosto al porto di Catania, nei pressi del molo ove era ormeggiata la nave della Guardia Costiera Diciotti ancora carica di 148 migranti, cui hanno partecipato circa 3000 persone, rappresenta un momento importante della forte mobilitazione messa in atto dalle realtà antirazziste catanesi e siciliane in questi giorni contro le politiche del governo e del ministro delle interiora Matteo Salvini. Anche se il presidio al porto è stato convocato sotto la parola d’ordine delle “Dimissioni di  Salvini”, a nostro parere debole e contraddittoria, come pure gli appelli alla Costituzione sentiti dal palco, da cui emerge... Leggi tutto

Striscioni e volantini contro chiusura primo soccorso

Striscioni e volantini contro chiusura primo soccorso
Nella notte tra il 17 ed il 18 agosto abbiamo deciso di appendere uno striscione e diversi volantini riguardo la chiusura del punto di primo soccorso di viale conte verde, decretata da una conferenza di sindaci della provincia di Latina e che avrà come conseguenza la chiusura di altri 4 punti in vari comuni pontini. A Sabaudia questa chiusura si traduce nell’assenza completa di ogni presidio sanitario per ben 20.613 persone, e la risibile pretesa che chi necessita di cure veloci debba riversarsi nel primo soccorso di Latina, distante 40 minuti di macchina e malcollegato con i mezzi per tutta... Leggi tutto

Dal Vajont al crollo del Ponte Morandi

Dal Vajont al crollo del Ponte Morandi
Le continue tragedie che si avvicendano in questo paese a causa della scarsa sicurezza delle infrastrutture dimostra, se mai ce ne fosse stato il bisogno, la necessità di intavolare un serio dibattito sul tema infrastrutturale. Il crollo del Ponte Morandi, le 43 persone morte, i circa 600 sfollati, ci ricordano ancora una volta l’urgenza di riflettere sulle necessità e priorità che vi sono in questo paese. Tra queste vi è senz’altro il tema della sicurezza che, tuttavia, non viene trattato se non per mera speculazione politica. Il problema della sicurezza viene sempre più frequentemente legato a quello dell’immigrazione, della difesa... Leggi tutto

Un crimine del capitalismo e dello stato

Un crimine del capitalismo e dello stato
Gli eventi cui stiamo assistendo negli ultimi giorni in Attica sono davvero scioccanti e provocano dolore e rabbia a tutte le persone. Gli incendi scoppiati in molti luoghi diversi hanno lasciato dietro di sé una carneficina di morti, e migliaia di ettari di foresta bruciati, hanno abbattuto intere aree e insediamenti rendendo incommensurabile il costo totale della devastazione ambientale e sociale. Anche rappresentanti dello Stato e media hanno, fin dal primo momento, parlato di una “tragedia nazionale”, e di una “minaccia asimmetrica” ​​orientata a destabilizzare la vita politica e sociale, trasformando, al contempo, questa tragedia in un campo di giustapposizioni... Leggi tutto

Solidarietà a Nicholas!

Solidarietà a Nicholas!
La redazione di Umanità Nova esprime la propria solidarietà al compagno Nicholas Tomeo, collaboratore del nostro giornale, attivista anarchico e antispecista che ieri sera è stato vittima di un aggressione a freddo da parte del gestore di un locale sulla costa di Marina di vasto. La richiesta di interrompere l’esecuzione ad altissimo volume di canzoni fasciste inneggianti il ventennio ha innescato prima un apparente accoglimento per poi trasformarsi invece in un pesante pestaggio finito anche grazie all’intervento di un’altra compagna e di chi l’ha soccorso. Il fatto, per modalità mafiosa, assomiglia a quanto successo ad Ostia con l’aggressione ad un... Leggi tutto
1 2 3 4 5 96