Search

Cane non mangia cane

Cane non mangia cane
La sentenza emessa il 5 aprile dal tribunale di Caltagirone, che assolve perché “il fatto non sussiste”, un esponente della regione e tre responsabili di altrettante imprese appaltatrici, accusati di aver proceduto alla costruzione del MUOS senza le dovute autorizzazioni, quindi in maniera abusiva, non ci sorprende. Al di là del fatto che i quattro avevano chiesto il rito abbreviato, e che il Procuratore ne aveva richiesto la condanna, con conseguente confisca del MUOS – fattori che avevano contribuito alla diffusione di un certo ottimismo e di una altrettanto evidente fiducia nella magistratura – questa prima sentenza di un processo... Leggi tutto

Catania e Sicilia

Catania e Sicilia
Introduzione Negli articoli “Repressione e pensiero dominante catanese” e “Tra teoria e pratica repressiva” pubblicati negli scorsi numeri di Umanità Nova si descrive in modo sintetico la situazione repressiva e di controllo sociale e culturale in corso nel territorio catanese e non. Questa forma di controllo, in realtà, non è solo di derivazione militarista o di gestione dei centri in cui si trovano i/le migranti (CARA, Hotspot etc) ma deriva da un rinnovato sfruttamento dell’intero territorio regionale grazie ai numerosi fondi europei, governativi e privati. Non è un caso che CasaPound Italia, approfittando dei finanziamenti arrivati e, al tempo stesso,... Leggi tutto

L'umanità è un crimine

L'umanità è un crimine
L’anno che si è appena concluso sarà ricordato per l’introduzione di un nuovo, inedito, crimine: il reato di umanità. Per il momento, questo delitto non è stato ancora inserito tra le pagine del codice penale ma l’offensiva mediatica con la quale le istituzioni hanno imbastito la criminalizzazione delle Organizzazioni Non Governative (Ong) che si occupano dei salvataggi in mare dei migranti in pericolo di vita, ha di certo creato una pericolosa falla nell’immaginario comune. La Procura della Repubblica di Catania – seguita a ruota da quella di Trapani – si è prodigata infatti in un’azione politica che non solo stride... Leggi tutto

Un'estate di lotta

Un'estate di lotta
Sabato 1° luglio una nuova manifestazione a Niscemi servirà a rimarcare l’irriducibilità della resistenza al MUOS alla militarizzazione dei territori e alla guerra. Sarà una manifestazione che tenderà in primo luogo a rafforzare i legami tra movimento e popolazione e, per questo, attraverserà i principali quartieri, mettendo in atto azioni, performance, flash mob, spettacoli e comizi lungo il tragitto. Una scelta dettata dalla necessità di combattere anche un certo clima di impotenza scaturito dalla messa in funzione delle parabole – riscontrato tra gli abitanti della cittadina nissena – e un calo di tensione, probabilmente fisiologico ma anche dettato dalla stanchezza... Leggi tutto

Militarizzazione e conflitto

Militarizzazione e conflitto
Il G7 di Taormina del 26 e 27 maggio si è concluso con l’unanime giudizio di un semi-fallimento; in realtà si è chiuso con una evidente affermazione della politica statunitense, che non ha concesso nulla o quasi in materia di ambiente, protezionismo, migranti e ha confermato i legami tra economia dei paesi più ricchi e guerra. Non che ci fosse molto da concedere, visto che quel che chiedevano, soprattutto gli europei, rientrava sempre all’interno di visioni e pratiche neoliberiste e guerrafondaie, ma, insomma, agli Stati Uniti di Donald Trump non interessano accordi o patti cui poi devono attenersi ma tirare... Leggi tutto

Vertice freddo, clima bollente

Vertice freddo, clima bollente
Niente di nuovo al vertice dei G7 svoltosi il 26 e 27 maggio a Taormina. Trump questa volta non si è smentito, ribadendo la propria decisione di rigettare l’accordo per il clima, siglato a Parigi nell’autunno del 2015. Erano passate poche settimane dagli attentati al Bataclan, allo stadio e in alcuni ristoranti. Parigi era militarizzata, gli attivisti che si diedero appuntamento per una manifestazione in occasione dell’apertura della conferenza sui cambiamenti climatici, ebbero un primo assaggio dello stato di emergenza proclamato da Hollande. Chi analizzò quegli accordi non potè che constatare quanto esili e poco efficaci erano le misure concrete... Leggi tutto

Squilibri e priorità dei nostri tempi

Squilibri e priorità dei nostri tempi
Viviamo in una società “squilibrata”. Forti differenze tra Nord e Sud (a livello sia locale che globale). Poca attenzione anche nei confronti dell’ambiente, dato che la visione dominante è quella del “meglio l’uovo oggi che la gallina domani” (o almeno così diceva il mio prof di economia all’università). Ultimamente viene pure condotta una insistente campagna mediatica e politica contro le Ong che salvano gente in mare, trasmettendo una sfiducia tanto generale quanto vaga nei loro confronti. Premetto di non fare ciecamente il “tifo” per tutte le Ong a priori, alcune – o meglio, chi ne fa parte e ne condivide... Leggi tutto

In morte di Ricard Essoo Messina

In morte di Ricard Essoo Messina
“Chi subisce violenza morale, muore lentamente senza saperlo” Richard Essoo Messina Quella che vogliamo raccontare è la storia di un ragazzo di ventotto anni che voleva lottare per la difesa dei diritti umani. La storia di un combattente che non si è mai arreso, neanche pochi giorni prima della sua morte. È la vicenda di un giovane camerunense, pieno di sogni e di speranze infranti, da cui tanti avrebbero da imparare. Richard lo abbiamo conosciuto nel gennaio scorso quando, dopo un’intossicazione alimentare che colpì diversi ospiti del centro di prima accoglienza di Gambarie, si mise in contatto con attivisti di... Leggi tutto

Appello al movimento anarchico per la mobilitazione contro il G7 di Taormina

Appello al movimento anarchico per la mobilitazione contro il G7 di Taormina
In questi mesi sono in corso di svolgimento i G7 tematici in varie città d’Italia; il momento culminante sarà il vertice di Taormina il 26 e 27 maggio, cui parteciperanno tutti i capi di Stato dei sette “grandi” paesi. A Taormina risuonerà una sola voce: guerra; sia essa la guerra imperialista nei vari campi di battaglia che insanguinano il pianeta, sia quella che si fa ai migranti ai quattro angoli del globo, sia la guerra interna che, sotto il nome di “sicurezza”, restringe libertà e attua controlli sempre più sofisticati sulle persone e i territori. La Sicilia è stata scelta... Leggi tutto

Prossimi appuntamenti

Prossimi appuntamenti
Dopo una valutazione sulla campagna antireferendaria svolta questo autunno e sui vari appuntamenti di movimento dei prossimi mesi il convegno assume quanto segue: – viene accolta la proposta della Federazione Anarchica Milanese di costruire uno spezzone rossonero che partecipi, senza aderire, alla manifestazione indetta per l’11 febbraio a Milano per la liberazione di Ocalan e dei prigionieri politici in Turchia; elemento caratterizzante della nostra partecipazione sarà la solidarietà ai compagni e compagne turchi della DAF (Azione rivoluzionaria anarchica) vittime anch’essi della repressione statale; – si sostiene l’appuntamento livornese del 18 febbraio che si configura come giornata di mobilitazione contro il... Leggi tutto

I 40 anni di Sicilia Libertaria

I 40 anni di Sicilia Libertaria
In questo mese di gennaio Sicilia libertaria compie 40 anni; il primo numero è infatti uscito nel gennaio del 1977. Il numero 368 (gennaio 2017) conterrà una pagina speciale ed altri interventi più una tavola del pittore Guglielmo Manenti in ultima pagina, relativi all’anniversario. La redazione, con il contributo dell’Archivio Storico degli Anarchici Siciliani e della Federazione Anarchica Siciliana, organizza, inoltre, tre iniziative, rispettivamente a Palermo il 22 gennaio (Teatro Nuovo Montevergini), a Catania il 26 gennaio (Teatro Coppola) e a Ragusa il 27 gennaio (Centro Servizi Culturali). In queste occasioni i redattori del giornale incontreranno lettori e collaboratori affrontando... Leggi tutto

Per l’azione diretta, la mobilitazione dal basso, la conflittualità permanente

Per l’azione diretta, la mobilitazione dal basso, la conflittualità permanente
Per prima cosa ci preme sgombrare il campo da un grande equivoco: il referendum del 4 dicembre non riguarda assolutamente le enunciazioni “idealiste” della Costituzione, cioè tutti quegli articoli che ne hanno fatto, per qualcuno “la Costituzione più bella del mondo”; articoli che, se presi ad uno ad uno, è facile verificare quanto siano stati enormemente disattesi da ciascuna coalizione governativa, mantenuti come specchietti per le allodole, e quasi mai difesi da quei tribunali chiamati ad affermare le leggi. Articoli che sono serviti però da copertura ideologica al sistema democratico-borghese e clericale per portare avanti i propri progetti antipopolari, filo-capitalisti,... Leggi tutto

Progetto archivio dell'anarchismo siciliano

Progetto archivio dell'anarchismo siciliano
Questo progetto ha lo scopo primario di far conoscere, utilizzare e valorizzare i testi e la documentazione teorico/pratica prodotta dal movimento anarchico e libertario siciliano nei suoi duecento anni di storia. Utilizzeremo la documentazione conservata all’Archivio Storico degli Anarchici Siciliani -nato nel lontano 1994 come sezione dell’Associazione Culturale “Sicilia Punto L” di Ragusa-, e i documenti (studi, articoli etc) redatti dagli/dalle anarchici/anarchiche siciliani/e perchè  le analisi e le critiche contenute in questi materiali, sono indispensabili in una società che tende a fagocitare e distruggere l’individuo. Il sito è “in aggiornamento continuo,” ovvero che tutto può essere rivisto e modificato dalla struttura al... Leggi tutto

Appello solidale per la lotta No Muos

Appello solidale per la lotta No Muos
APPELLO ALLE COMPAGNE E AI COMPAGNI, AI GRUPPI, ALLE FEDERAZIONI, A TUTTE LE REALTA’  ANARCHICHE PER UNA SOTTOSCRIZIONE CONTRO LA REPRESSIONE DEL MOVIMENTO NO MUOS Negli ultimi 5 anni il Movimento NO MUOS ha rappresentato un’autentica spina nel fianco ai progetti militaristi e imperialisti del governo degli Stati Uniti e dei loro alleati e/o complici. Uno dei primi risultati è stato l’essere riusciti a bloccare e a ritardare l’attivazione dell’impianto di comunicazione militare satellitare di Niscemi, impedendo l’entrata in funzione di tutto il sistema planetario MUOS. Questo risultato è stato ottenuto grazie ad una incalzante mobilitazione popolare dal forte carattere... Leggi tutto

Peppino Impastato

Peppino Impastato
Contru mafia e putiri c’è sulu rivoluzioni. Ovvero,‭ ‬rivoluzione sociale contro il dominio mafioso e la non meno rapace borghesia antimafiosa. Il‭ ‬9‭ ‬maggio‭ ‬1978,‭ ‬Giuseppe Impastato,‭ ‬detto Peppino,‭ ‬militante dell’area dell’Autonomia Operaia siciliana,‭ ‬animatore della radio di controinformazione RadioAut,‭ ‬ed in quel momento candidato alle elezioni amministrative del comune di Cinisi nelle liste di Democrazia Proletaria,‭ ‬salta in aria sui binari della ferrovia Palermo-Trapani,‭ ‬in piena notte.‭ ‬Poche ore dopo,‭ ‬in via Caetani,‭ ‬a Roma,‭ ‬a uguale distanza tra via delle Botteghe Oscure e piazza del Gesù,‭ ‬quasi come l’agnello da immolare sull’altare del compromesso storico,‭ ‬viene ritrovato il... Leggi tutto
1 2 3 4