Search

L'ideologia coloniale del paese normale

L'ideologia coloniale del paese normale
Non c’è dubbio che l’impegno di Massimo D’Alema nel sostenere il “no” al prossimo (?) referendum sulla revisione costituzionale costituisca un motivo di imbarazzo per il resto del fronte del no, in quanto la presenza di un personaggio come D’Alema fornisce molti argomenti polemici, anche piuttosto scontati, all’avversario. Matteo Renzi infatti non ha perso occasione per rinfacciare allo stesso D’Alema la sua posizione di leader del “passato”, cioè esponente del vecchiume politico che il renzismo si è incaricato di spazzare via in nome del “nuovo”. Per la sua polemica, Renzi si è fatto fornire dai suoi “spin doctor” anche un... Leggi tutto

Un “bail in” anche per i terremotati?

Un “bail in” anche per i terremotati?
Non pochi commentatori hanno notato che nella pagliacciata di Ventotene allestita da Renzi nella scorsa settimana, la Merkel ed Hollande si sono prestati ad un’operazione propagandistica puramente ad uso dell’opinione pubblica italiana, che viene ancora annebbiata con false prospettive di “Stati Uniti d’Europa” per compensare le attuali euro-miserie degli zero-virgola del bilancio o del PIL. La Corte Costituzionale tedesca ha già più volte ribadito che di “cessioni di sovranità” da parte della Germania non se ne parla proprio, dato che la loro Costituzione non le contempla (se è per questo, neppure la nostra). L’establishment tedesco rifiuta quindi ogni ipotesi di... Leggi tutto

Il prossimo fantoccio coloniale

Il prossimo fantoccio coloniale
Corrado Augias,‭ ‬un giornalista del tipo‭ “‬sì,‭ ‬sono servile però con stile‭”‬,‭ ‬ha dichiarato che si può anche essere contro la riforma costituzionale fatta approvare da Renzi,‭ ‬ma riconoscendo gli alti intenti che l‭’‬avrebbero ispirata.‭ ‬Il problema è che se si concede la buonafede si finisce per concedere praticamente tutto,‭ ‬compreso il fatto compiuto.‭ ‬Un‭’‬altra trappola insita in questa situazione riguarda appunto il fatto compiuto che si cerca di imporre.‭ ‬Esso riguarda non solo e non tanto la pseudo-riforma costituzionale,‭ ‬con i suoi pasticci e i suoi inganni,‭ ‬come un senato venduto alla pubblica opinione come‭ “‬abolito‭”‬,‭ ‬mentre invece sopravvive... Leggi tutto

La corruzione ricca, questa sconosciuta

La corruzione ricca, questa sconosciuta
Le celebrazioni che hanno seguito la morte di Marco Pannella hanno manifestato la stessa enfasi artificiosa e pretestuosa che aveva accompagnato gli ultimi trenta anni di carriera politica del personaggio,‭ ‬anni contrassegnati da una sostanziale irrilevanza.‭ ‬Il presunto partito delle‭ “‬battaglie civili‭”‬,‭ ‬il Partito Radicale di Pannella e Bonino,‭ ‬si era ridotto da tempo ad una piccola lobby delle biotecnologie.‭ ‬Mentre si avvantaggiava di una attenzione mediatica assolutamente sproporzionata,‭ ‬Pannella ha anche potuto continuare a recitare la parte della vittima,‭ ‬ma,‭ ‬appunto,‭ ‬solo perché i media stavano al gioco delle parti.‭ ‬C’è stato però un momento storico in cui Pannella... Leggi tutto

Stirner Teorico della Lotta Operaia

Stirner Teorico della Lotta Operaia
Ripubblichiamo,ad undici anni di distanza,l’introduzione alla raccolta di testi La Lotta Operaia secondo Stirner, (http://www.comidad.org/public/002testi.pdf) in quanto ci appare ancora oggi di notevole interesse.Titolo e sottotitolo dell’articolo sono nostri. La Redazione Questo testo di Victor Rudin su Stirner e l’anarcosindacalismo,fa giustizia di un luogo comune dominante nell’attuale movimento anarchico:la distinzione tra un “anarchismo sociale”da un lato ed un “anarchismo individualistico”dall’altro.A dimostrare quanto sia inconsistente e meramente pretestuosa questa distinzione,c’è il dato di fatto storico per il quale l’individualista Max Stirner è stato il maggiore teorico e ispiratore della lotta sindacale. L’influenza di Max Stirner sull’anarcosindacalismo,il contributo che la sua opera... Leggi tutto

Obama tutor dell'Europa

Obama tutor dell'Europa
Che l’Unione Europea non fosse solo una questione di “zero virgola” nei bilanci, di ottusità di Juncker o di arroganza della Germania, è stato dimostrato ancora una volta dalla sortita della settimana scorsa da parte del presidente Obama in presenza del primo ministro britannico Cameron. Obama ha praticamente ammonito il Regno Unito sulle nefaste conseguenze commerciali a cui andrebbe incontro nell’eventualità di un’uscita dall’Unione Europea. La Gran Bretagna è stata esplicitamente trattata come una colonia qualsiasi, e l’irritualità della presa di posizione di Obama, la sua palese ingerenza negli affari interni di un altro Paese alla vigilia di un voto... Leggi tutto

Il feedback del rincretinimento

Il feedback del rincretinimento
Come alcuni ogni tanto ricordano,‭ ‬anche Mussolini ebbe il suo‭ “‬euro‭”‬.‭ ‬Nel‭ ‬1926‭ ‬il Duce lanciò lo slogan della‭ “‬Quota‭ ‬90‭”‬,‭ ‬che indicava il tasso di cambio della lira con la sterlina inglese che il regime intendeva perseguire in nome dell’orgoglio italico.‭ ‬Quella rivalutazione massiccia della lira comportò il massacro delle esportazioni italiane e dei consumi interni,‭ ‬ma in compenso rese l’Italia degna di accedere ai prestiti statunitensi.‭ ‬Non a caso in quel periodo Mussolini era santificato dalla stampa estera,‭ ‬ed anglosassone in particolare,‭ ‬come il più grande italiano dai tempi del Rinascimento.‭ ‬Per riscuotere celebrazioni di questo calibro basta... Leggi tutto

Renzi chiede asilo politico alla Philip Morris

Renzi chiede asilo politico alla Philip Morris
Malato del complesso del redentore, Renzi presenta invariabilmente se stesso come il messia che dovrebbe salvare l’Italia da secoli di immobilismo e inefficienza. Come tutti i denigratori di mestiere, Renzi ed i suoi supporter sulla stampa accusano continuamente gli altri di disfattismo. In questi giorni il crimine imperdonabile sta nel non aderire al culto della trivella. Se l’Italia ha davvero dei giacimenti interessanti, sarebbe bene che se li tenesse da parte per i tempi difficili, e non li sprecasse adesso solo per permettere a qualche multinazionale di riscuotere fondi europei per lo sviluppo regionale; tanto più che in questo periodo... Leggi tutto

Sembra proprio un affare

Sembra proprio un affare
Lo scorso anno il presidente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi ha rischiato seriamente la santificazione. Molti commentatori, da Eugenio Scalfari a Toni Negri, hanno contribuito a questo tentativo di elevazione alla gloria degli altari, sciogliendo laudi ai “quantitative easing”, cioè agli acquisti di titoli di Stato e di titoli bancari da parte della BCE. Ciononostante il mito di Draghi continua a perdere colpi. Anche se i supporter di Draghi incalzano gli scettici mettendoli in guardia contro i nefasti demoni del nazionalismo e del “sovranismo”, si fa strada l’idea che nazionalismo e “sovranismo” non c’entrino proprio nulla e che si... Leggi tutto

Il terrorista della base nato accanto

Il terrorista della base nato accanto
Salah,‭ ‬l’attentatore di Parigi,‭ ‬viene catturato praticamente a casa sua.‭ ‬I sagaci analisti notano la somiglianza con quanto accade con i boss mafiosi,‭ ‬che diventano primule rosse standosene tranquillamente a casa loro.‭ ‬Come i mafiosi,‭ ‬anche i terroristi preferirebbero rimanere in un territorio a loro familiare che li protegge‭; ‬ed è così che diventerebbero imprendibili per la polizia.‭ ‬L’esempio mafioso forse non era dei più felici,‭ ‬visto lo storico scambio di favori tra mafiosi e inquirenti‭; ‬ma gli analisti sono fiduciosi che il generale Mori alla fine la farà franca per il peccatuccio di aver‭ “‬omesso‭” ‬la cattura del boss... Leggi tutto

Decideranno gli USA

Decideranno gli USA
L’INTERVENTO ITALIANO IN LIBIA LO DECIDERANNO GLI USA In base alle notizie di stampa, pare che un vincitore sul campo in Libia vi sia. Il capo delle forze armate del governo di Tobruk, il generale Haftar, avrebbe posto sotto assedio Bengasi e messo alle strette le milizie islamiche che i nostri media presentano tout court come ISIS. L’iniziativa militare del pur ambiguo Haftar starebbe quindi scongiurando il pericolo di una dissoluzione della Libia. Se la notizia è attendibile, molte delle motivazioni, sia ufficiali che mediatiche, addotte a favore dell’intervento italiano in Libia risulterebbero superate dai fatti. O no? In realtà... Leggi tutto

Le nuove frontiere dell'assistenzialismo per multinazionali

Le nuove frontiere dell'assistenzialismo per multinazionali
Come quasi tutti avevano previsto,‭ ‬Renzi si è rapidamente rimangiato l’annuncio sulla possibilità di una‭ “‬flessibilità in uscita‭” ‬per le pensioni dei lavoratori con più di sessantadue anni.‭ ‬Tutto è rimandato al prossimo anno in attesa di‭ “‬chiarire i dati‭”‬.‭ ‬Anche nelle menzogne appare quindi un barlume di verità,‭ ‬e cioè Renzi ammette di parlare senza sapere di cosa parla.‭ ‬In compenso il governo stanzia cento milioni di euro all’anno per la cosiddetta‭ “‬alternanza Scuola-lavoro‭”‬.‭ ‬La CGIL ha commentato la‭ “‬guida operativa‭” ‬che il Ministero dell’Istruzione ha messo a disposizione delle scuole e delle imprese,‭ ‬riscontrando una notevole confusione:‭ ‬il... Leggi tutto

L’alibi cinese serve a impoverire i poveri

L’alibi cinese serve a impoverire i poveri
Il funerale di Vittorio Casamonica è stato un’ulteriore dimostrazione di come un non-evento,‭ ‬attraverso l’orchestrazione dell’allarmismo mediatico,‭ ‬possa assurgere al rango di emergenza sociale e politica.‭ ‬A dirigere l’orchestra mediatica è stato,‭ ‬come sempre,‭ ‬il quotidiano di fintosinistra‭ “‬La Repubblica‭”‬,‭ ‬una vera e propria centrale della manipolazione dell’opinione pubblica a fini coloniali.‭ ‬Uno dei tanti funerali pacchiani del boss di quartiere è così diventato un affare di Stato,‭ ‬anzi,‭ ‬una‭ “‬sfida allo Stato‭”‬.‭ ‬Una criminalità burina e casereccia viene accreditata di aver messo in crisi le istituzioni:‭ ‬un rione contro la nazione.‭ ‬Ad essere messo sotto accusa dai media è... Leggi tutto

Il business del default cronico

Il business del default cronico
Uno dei maggiori punti di forza del potere è quello di riuscire ad essere sempre più squallido dell’immaginabile.‭ ‬Più di un osservatore aveva notato che la‭ “‬riforma‭” ‬della Scuola targata Renzi non è altro che una legge di spesa con una delega in bianco al governo.‭ ‬Decine e decine di pagine fumose e di paradossi giuridici non riescono a nascondere l’unico dato concreto,‭ ‬cioè che alcuni miliardi‭ (‬non si capisce bene quanti‭) ‬vengono stanziati e,‭ ‬in base all’articolo‭ ‬22,‭ ‬il governo ne farà ciò che vorrà nei prossimi mesi.‭ ‬Sarebbe bastato questo per giustificare ogni opposizione‭; ‬ma è già il... Leggi tutto

L’OCSE ispira Renzi, e lo sfotte pure

L’OCSE ispira Renzi, e lo sfotte pure
Qualcuno ha notato che l’emergenza-immigrati rappresenta una boccata d’ossigeno mediatico per Renzi,‭ ‬il quale può finalmente collocarsi dalla parte‭ “‬giusta‭”‬,‭ ‬di quello che fa la morale agli altri e si atteggia con indignazione di fronte alla demagogia irresponsabile della Lega ed al miope egoismo dei partner dell’Unione Europea.‭ ‬Il roleplay tra‭ “‬accoglitori‭” ‬e‭ “‬respingitori‭” ‬accentra l’attenzione sulla questione di alcune migliaia di immigrati,‭ ‬ma fa perdere di vista il fatto che gli ingressi clandestini con i barconi costituiscono una quota minima del problema,‭ ‬e bisognerebbe andare ad indagare sui moli militari dei porti,‭ ‬specialmente quelli controllati dalla NATO e dagli... Leggi tutto
1 2 3 4