Tag Archives: apo

Aggiornamenti su Dimitris Koufontinas (2 Marzo 2021)

Aggiornamento del 2 marzo: Le condizioni di salute di Dimitri Koufontinas, prigioniero della 17 novembre, in sciopero della fame e della sete da 54 giorni (sete da 8), stanno ulteriormente peggiorando. Le notizie che filtrano dall’ospedale dove, da dieci giorni, è in terapia intensiva, dicono che a tratti sia ancora cosciente. La situazione però precipita rapidamente verso il peggio. Per sua volontà è stata interrotta la somministrazione di un antibiotico, nonostante sia probabilmente in corso un’infezione. I suoi livelli di potassio hanno avuto un calo secco e preoccupante nelle ultime ore. I medici, nonostante due ingiunzioni della magistratura, per ora si attengono alla volontà di Dimitri, che ha anche firmato una carta, consegnata al proprio avvocato, in cui rifiuta la rianimazione in caso di collasso.
Koufontinas si batte contro la riforma carceraria del governo Mitsotakis e per il trasferimento in un altro carcere. La riforma prevede che chi è condannato per terrorismo non possa stare in una prigione rurale, ma debba essere rinchiuso nel carcere da cui proveniva. Dimitri avrebbe dovuto essere trasferito nella prigione ateniese di Koridallos, ma invece è finito a Domokos, una struttura di massima sicurezza. Per questa ragione l’8 gennaio ha deciso per questa estrema forma di lotta.
Negli ultimi giorni, dopo un lungo silenzio, anche i media main stream si stanno occupando della vicenda, che comincia a mettere in imbarazzo il governo. L’esecutivo prova a trarsi d’impaccio accusando l’avvocata di Koufontinas, Ioanna Curtovic, di non aver fatto tutte le mosse legali necessarie al trasferimento del suo assistito. Si tratta di una calunnia, perché l’avvocata si è battuta strenuamente di fronte ad un’imponente barricata di carta eretta dall’amministrazione penitenziaria.
Il governo è a caccia di un’alibi, per una situazione che gli è ormai sfuggita di mano, sia che Dimitri viva, sia che muoia. In ogni caso sarà una sconfitta per Mitsotakis e i suoi. Da qualche giorno il governo, attraversato anche da un forte scandalo per una vicenda di pedofilia, appare spaccato in due tra falchi e moderati.
A sorpresa si è dimesso il portavoce del governo Cristos Tarantinis.
Le esili politiche sanitarie di una compagine governativa che ha diretto la spesa quasi esclusivamente sul comparto sicurezza stanno mettendo seriamente in difficoltà Mitsotakis, che si trova a fronteggiare una crescita inarrestabile di contagi senza aver messo in campo le risorse necessarie a fronteggiarle. Le terapie intensive dell’Attica sono ormai sature e la gente muore senza cure.
Nelle prossime ore il governo dovrà scegliere se far vivere o far morire Koufontinas, se disinnescare la bomba sociale della sua morte, o scatenare la repressione più dura contro la prevedibile ondata di dure proteste che seguirebbero la notizia della sua fine.
Un documento interno alla polizia filtrato in queste ore prevede un allarme rosso per fronteggiare le reazioni alla morte di Dimitri Koufondinas. Pare che verrebbero utilizzati droni che sorveglierebbero le zone calde della capitale, per prevenire proteste ed azioni.
Sabato il corteo per Koufondinas era di circa quattromila persone.
Ieri un corteo di oltre ottomila persone ha attraversato il centro della capitale ellenica, partendo da Syntagma, la piazza di fronte al parlamento, per arrivare ad Omonia. Lo spezzone autodifeso, aperto dallo striscione con la scritta “sono nato il 17 novembre” ha deviato per Exarchia, dove si è tenuta un’assemblea, dove è stato deciso che ogni giorno alle 18 ci sarà manifestazione in sostegno al prigioniero morente e alla sua lotta.
Manifestazioni importanti anche a Patrasso, Volos, Larissa e Iraklion sull’isola di Creta, dove ci sono stati scontri tra manifestanti e polizia.

Ascolta la diretta con Gabrio, redattore di Blackout che si trova ad Atene:

https://radioblackout.org/2021/03/atene-in-piazza-per-dimitri-koufontinas/

 

Aggiornamento del 27 febbraio: mentre le condizioni di Dimitris sono ormai disperate si susseguono senza sosta le manifestazioni di piazza in tutta la Grecia. Anche in Italia varie le iniziative di solidarietà, segnaliamo quelle dei giorni scorsi a Torino, Livorno e Trieste.

In Grecia e in Turchia, contro le guerre e la competizione tra gli stati

Dichiarazione comune contro la guerra del DAF (Devrimci Anarşist Faaliyet/Azione Anarchica Rivoluzionaria) attivo in Turchia e dell’APO (Αναρχική Πολιτική Οργάνωση/Organizzazione Anarchica Politica) attiva in Grecia e componente dell’Internazionale di Federazioni Anarchiche di cui fa parte anche la FAI In Grecia … Per saperne di più