Tag Archives: jesi

La rivoluzione di un influenZer

(Intanto a 22 anni si muore in fabbrica)
L’intervento dal palco del concerto del 1 maggio di Fedez ha avuto il merito di evidenziare diversi elementi importanti. In primo luogo il fatto che sui diritti non si può rimanere indietro e che men che meno non si torna indietro; siano essi diritti liberali (DDL Zan) o salariali, sociali, politici. In secondo luogo è stato smascherato il meschino tentativo di censura rivelando come i media – tutti -, siano totalmente asserviti agli interessi di palazzo, ossequiosi sempre al principe di turno, critici di qualsiasi opinione possa alterare lo status quo o l’umore del feudatario coinvolto. Infine la denuncia fatta dal cantante ha sottolineato, per l’ennesima volta, la presenza di una destra capace di dire le peggiori cose per raggranellare voti. Una destra capace di tagliare e togliere i più elementari diritti, dei più deboli, pur di ossequiare i suoi padroni, e rastrellare qualche buonuscita per se stessa. Una destra che in questi anni ha abbassato il livello del dibattito politico prossimo al negazionismo, al turpiloquio, al revisionismo e all’argomento scientifico maggiormente usato: chi urla di più e fa slogan più diretti, vince. Una destra funzionale anche ad una sinistra che si trova a dover difendere poco o nulla dei diritti degli ultimi, senza così venire distolta dal suo progetto di referente politico liberale verso gli stessi padroni da contendersi con la destra.
In merito l’intervento di Fedez sottolinea ulteriormente come la politica si sia spostata nei salotti televisivi e sui social, fatta da contrapposizioni e tifoserie ad uso e consumo delle masse che devono continuare a legittimare il sistema di sfruttamento e di dominio imperante. Un cantante ha più voce di un sindacalista, uno scienziato ha la stessa voce di un parolaio poltronaro. Uno dottore dei ricchi ha più voce, non ci meraviglia, di mille dottori dei poveri, magari legittimando il politico che affermava che dei dottori di famiglia non ce n’era più bisogno. Un opinionista radiofonico o un editorialista profumatamente pagato ha più voce di un rider, di un operaio, di un disoccupato, di un immigrato. Chi invece prova a far sentire la sua voce, davanti alle fabbriche, alle scuole e nelle piazze, viene perseguito e condannato come mai nessun politico, padrone o colletto bianco lo è stato per i tanti furti di soldi e futuro fatti alla collettività. La democrazia liberale mostra il suo vero volto di sempre, quello di un’oligarchia capitalista che sta conducendo una guerra di classe, contro gli sfruttati e i lavoratori, che fino ad oggi li ha visti sconfitti. Fino ad oggi.
FAI – Federazione Anarchica Italiana
    sez. “M. Bakunin” – Jesi
    sez. “F. Ferrer” – Chiaravalle