Search

Governabilità, utopia reazionaria.

Governabilità, utopia reazionaria.
La governabilità è impossibile in una società antagonista, cioè divisa in classi, ed è inutile in una società dove la divisione in classi sia stata abolita. Il concetto di governabilità fa riferimento da una parte alla stabilità politica, dall’altra all’efficacia decisionale. In un sistema basato sulla ripartizione dei poteri, in cui il potere giudiziario spetta alla magistratura, il potere esecutivo al governo e quello legislativo al parlamento o a comunque si chiamino le assemblee dei rappresentanti del corpo elettorale, l’efficacia decisionale dovrebbe spettare al potere legislativo, mentre il governo dovrebbe essere il garante della stabilità attraverso l’applicazione delle leggi stabilite... Leggi tutto

Porre fine all’«anarco»-capitalismo. Libertariani sono quelli che non vogliono la libertà.

Porre fine all’«anarco»-capitalismo. Libertariani sono quelli che non vogliono la libertà.
In un recente articolo, la filosofa Catherine Malabou afferma che “la via anarchica è l’unica che rimane ancora aperta”. Secondo lei l’anarchismo vede attualmente convivere in tutto il mondo due varietà: un “anarchismo di fatto” e un “anarchismo del risveglio”. Questa distinzione sembra promettente in quanto stabilirebbe un approccio tra “ciò che esiste” (presumibilmente all’interno del movimento anarchico) e ciò che “potrebbe accadere” (attraverso i “nuovi movimenti sociali”). Malabou però scivola quando, a proposito di ciò che chiama “l’anarchismo di fatto”, si basa sulla realtà di un presunto “anarco-capitalismo”. L’ossimoro di questa espressione non può che far sobbalzare. Per gli... Leggi tutto

Ma è così strana la strana coppia?

Ma è così strana la strana coppia?
Una cosa che mi ha sempre incuriosito nei commenti sulle elezioni è la serena indifferenza di parte notevolissima dei commentatori più o meno professionali a quanto è effettivamente successo. Prendiamo le elezioni greche che tanti entusiasmi e mal di pancia hanno prodotto, ufficialmente Syriza ha avuto il 36,34% dei voti sul 63,87% di cittadini greci che è andato a votare e che corrisponde al 23,21% di voti sull’assieme dei cittadini greci aventi diritto al voto. Per amor di precisione va detto che questi dati vanno presi con prudenza visto che fra le strutture greche in crisi c’è l’anagrafe e che... Leggi tutto