Search

Il rapporto con le amministrazioni “Illuminate”

Il rapporto con le amministrazioni “Illuminate”
L’articolo di Nicholas Tomeo “Uscire dall’alveo e ripartire dai territori locali” pubblicato sul numero scorso di Umanità Nova non ha trovato concordi i redattori, che hanno però comunque deciso di pubblicarlo in quanto, pur non ritrovandosi con le conclusioni o, perlomeno, con certi accenti di esse, hanno apprezzato la trattazione del problema in sé – il rapporto di un anarchic* con le istituzioni amministrative di un territorio nel quale agisce attivamente e di cui intende modificare le relazioni sociali locali in direzione dei propri ideali egualitari, comunitari ed autogestionari, riservandosi di intervenire successivamente nel merito della questione. Inizio allora le... Leggi tutto

Uscire dall'alveo e ripartire dai territori locali

Uscire dall'alveo e ripartire dai territori locali
Come milioni di persone nel mondo, ho sperimentato l’abitare la piccola città di provincia, la media e la grande città, la metropoli e qualche capitale europea. Inutile dire che queste esperienze permettono alla persona di crescere e accrescere le proprie conoscenze e consapevolezze e, così, anche la sperimentazione della praticabilità delle proprie teorie può essere sia confermata quanto messa in discussione, perché i territori cambiano e sono diversi gli uni dagli altri. Per quanto mi riguarda, bisogna fare una fondamentale distinzione tra abitare nella città e abitare la città (o territorio). Abitare nella città significa essere più o meno coinvolti,... Leggi tutto

Identitarismo e potere

Identitarismo e potere
La credibilità di una teoria passa necessariamente attraverso la sua pratica e, dunque, anche la teorizzazione della libertà o passa attraverso la sua attuazione (liberazione positiva) o attraverso l’astensione di atti che la negano (liberazione passiva) od entrambe. In sistemi in cui non si è quasi mai gestori del proprio tempo e delle proprie scelte (in senso assoluto), certamente nessuno può dichiararsi immune da condizionamenti esterni e, inevitabilmente, spesso ci si trova dinanzi a condizioni che ci pongono in contraddizione con le nostre idee e prospettive. Laddove però ci sono gli spazi per determinare autonomamente la propria direzione bisogna azionarsi... Leggi tutto

Solidarietà a Nicholas!

Solidarietà a Nicholas!
La redazione di Umanità Nova esprime la propria solidarietà al compagno Nicholas Tomeo, collaboratore del nostro giornale, attivista anarchico e antispecista che ieri sera è stato vittima di un aggressione a freddo da parte del gestore di un locale sulla costa di Marina di vasto. La richiesta di interrompere l’esecuzione ad altissimo volume di canzoni fasciste inneggianti il ventennio ha innescato prima un apparente accoglimento per poi trasformarsi invece in un pesante pestaggio finito anche grazie all’intervento di un’altra compagna e di chi l’ha soccorso. Il fatto, per modalità mafiosa, assomiglia a quanto successo ad Ostia con l’aggressione ad un... Leggi tutto

Copiare? E perché no?

Copiare? E perché no?
Mi è capitato di assistere ad un convegno di Marcello Dei, docente di Sociologia dell’Educazione all’Università di Urbino, circa il copiare a scuola. Il sociologo infatti ha condotto uno studio di ricerca riguardo il copiare a scuola, ricerche che hanno poi dato luce ad un libro dal titolo “Ragazzi, si copia. A lezione di imbroglio nelle scuole italiane”, edito da Il Mulino, e che hanno portato Dei a delle conclusioni, a mio modesto parere, non solo bizzarre, eufemisticamente parlando, ma assolutamente non condivisibili. Le ricerche condotte dal professore hanno riguardato i ragazzi e le ragazze delle scuole secondarie di primo... Leggi tutto

Risposta ad Anonimo Specista

Risposta ad Anonimo Specista
Con quanto segue cercherò di controbattere all’articolo Antispecismo, una critica apparso su Umanità Nova del 10 dicembre 2017. Innanzitutto preme una constatazione che va oltre le posizioni soggettive: l’antispecismo, o meglio l’istanza di liberazione animale o, forse ancora meglio, di liberazione totale, non vanno ultimamente di moda come sostiene l’autore dell’articolo, ma hanno profonde radici storiche anche all’interno del pensiero e della pratica anarchica. Basti infatti pensare che già Lev Tolstoj, nel 1895, scriveva Contro la caccia e il mangiar carne o che Elisée Reclus, nel 1901, scriveva un testo chiamato Sul vegetarianismo e che nello stesso chiamava gli altri... Leggi tutto

Animali in rivolta

Animali in rivolta
Gli animali non umani fanno politica, e resistono. Questo è quanto emerge con chiarezza leggendo Animali in rivolta. Confini, resistenza e solidarietà umana della sociologa statunitense Sarat Colling (a cura di feminoska e Marco Reggio, Mimesis edizioni, Milano-Udine, pp. 180, € 16). Partendo da un’idea decolonizzatrice delle lotte per la liberazione, questo libro va completamente a destrutturare la visione dominante secondo cui la capacità di proiettare se stessi e immaginarsi liberi, in maniera cosciente e ragionata, sia un retaggio appartenente solo agli animali umani, mentre a tutte le altre forme di vita animali appartenga solo la capacità della reazione istintiva... Leggi tutto

Veganarchismo

Veganarchismo
Che la lotta antispecista sia una lotta per la libertà e non solo e meramente a difesa degli animali (che poi lottare per la difesa animale non ha alcun significato se non con tutta una serie di “se” e “ma”) è chiaro a tutti, e negarlo significa solo essere in malafede. Ho cercato di spiegarlo attraverso una serie di articoli che ho pubblicato su questa rivista anarchica e, in modo forse ancora più chiaro, nell’ultimo articolo “Anarchici e anarchiche, vi stiamo parlando della lotta di classe!” pubblicato il primo ottobre scorso. Inoltre che Umanità Nova, in maniera assolutamente intelligente, abbia... Leggi tutto

Anarchici e anarchiche, vi stiamo parlando della lotta di classe!

Anarchici e anarchiche, vi stiamo parlando della lotta di classe!
Cari anarchici e care anarchiche, libertari e libertarie, sono mesi che sulle pagine di Umanità Nova scrivo righe riguardanti la lotta per la liberazione animale, ma nonostante i ripetuti articoli – non solo miei a dire il vero (fortunatamente) – nessuna risposta a controbattere, nessuna argomentazione che cerchi di smontare le tesi antispeciste dalla radice. Questo denota due aspetti, non necessariamente l’uno esclude l’altro: da un lato, probabilmente, non si hanno argomentazioni valide per continuare a sostenere le idee di libertà di cui si è portatori senza metterle in discussione qualora si pensi allo sfruttamento animale e, dunque, senza porsi... Leggi tutto

Dibattito Antispecismo

Dibattito Antispecismo
Con questo intervento, cercherò di rispondere all’articolo Botte da orbi di Danilo Gatto apparso su Umanità Nova il 14 maggio scorso. Innanzitutto leggendo l’articolo si parte da un presupposto sbagliato: nell’antispecismo non ci sono botte da orbi perché ci sono personaggi come la Innocenzi, ma semplicemente la Innocenzi non ne fa parte. E’ un qualcosa a parte: è uno sterile, borghese, capitalistico, e specista animalismo assolutamente inconsistente. Però, dall’articolo, sembra quasi che la Innocenzi in un modo o nell’altro possa essere considerata antispecista. Non è così, chiariamolo subito: l’antispecismo è libertario, vegan, e liberazionista, e se non è tale, non... Leggi tutto

Il frutto della gerarchia

Il frutto della gerarchia
Il 25 aprile si festeggia il giorno della liberazione grazie alla lotta di resistenza di migliaia di compagni e compagne che con le loro azioni, le loro rivolte, le loro barricate, sacrificando anni della loro vita, e spesso la vita stessa, hanno deciso di ribellarsi e così distruggere l’oppressione nazi-fascista. C’era la necessità, l’intima inevitabilità di cambiare lo stato di cose per costruire un nuovo paradigma e sistema non più basato sulla dittatura, sulla discriminazione e sulla violenza, perché nessuna differenza poteva e può giustificare la distruzione di interi popoli. Questo almeno tra gli umani. Ed oggi? Oggi continua a... Leggi tutto