Elica, comunicato stampa

E` del 31 marzo la comunicazione ufficiale da parte di Elica del proprio piano industriale 2021-2023, che prevede la delocalizzazione al 70% dei siti industriali nel Fabrianese. Partiti, sindaci e sindacati giustamente stanno dichiarando la loro solidarietà ai 407 lavoratori in esubero. Drammi di questo tipo si ripropongono ormai da anni sul territorio marchigiano e nel resto del paese, per questo non possiamo riproporci allo stesso modo di chi, cadendo dal pero, erige barricate – ormai residuali – quando le decisioni sono state prese. E` un fatto che le aziende si basino sui profitti prima che sui dipendenti, ed in questo valutare quando – e come – convenga o meno produrre in un paese o in un altro, Italia compresa. Prima gli italiani vale solo come slogan elettorale.

Le aziende, con il pretesto della crisi, ricevono aiuti dallo Stato, ma pensare che i finanziamenti pubblici (e privati), vincolati da leggi di restituzione dei soldi in caso di delocalizzazione, siano una via sicura e percorribile per fornire una base di appoggio alle famiglie che perderanno un reddito è quanto mai utopistico. Elica, come molti colossi della zona, si è` strutturata nell’ultimo decennio in modo tale da non fornire appigli legali sui quali aggrapparsi. Fornisce costantemente documentazione, debitamente accettata dalle parti sociali, riguardo alla sicurezza sul lavoro, ai finanziamenti ricevuti, alla scelta del management, ed anche alla – non – certezza di un posto di lavoro, grazie a nuove tipologie contrattuali (es. gli stage, e gli sgravi fiscali relativi), all’inclusione (anche se solo di facciata) dei dipendenti nella gestione e trasparenza aziendale.

A governi locali e nazionali vanno chiesti da subito un sostegno alle famiglie che verranno a trovarsi in difficoltà e una prospettiva di reddito certo per i lavoratori licenziati. Per l’impoverimento economico dei territori, dato da una politica industriale scellerata, non ci facciamo illusioni sulla capacità (e possibilità) di impedirlo da parte dei signori del palazzo. Da parte nostra, come lavoratori e come anarchici crediamo che di fronte a questi drammi non si deve restare da soli, non possiamo permetterci di lasciare indietro nessuno, dunque costruire reti per tutelare chi di noi ha ed avrà più difficoltà rimane una priorità, per prevenire tragedie umane e famigliari. Nel frattempo, in solidarietà operaia offriremo quel che abbiamo, e restiamo a disposizione.

FAI – Federazione Anarchica Italiana

sez. “M. Bakunin” – Jesi

   sez. “F. Ferrer” – Chiaravalle
Gruppo Anarchico “Kronstadt” (senza fissa dimora) – Ancona