Search
Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Torino: Gender Strike Giornata transfemminista queer

Marzo 5 @ 15:00 - 20:00

Promuove la rete Free(k) Pride

Gender Strike! Giornata transfemminista queer

Sabato 5 marzo ore 15 ai giardini (ir)reali – corso San Maurizio angolo via Rossini (se piove ci si sposta a Parco Dora)

Interventi, musica, banchekke, malormonesse, merenda veg, performance segneranno un pomeriggio in cui si parlerà di aborto, salute trans, lotta antimilitarista contro tutti i machismi e gli imperialismi, lotta delle donne polacche, stupro come arma di guerra, lavoro femminilizzato e sfruttato.

strike de-genere! una giornata per salutare il binario e tutto il vagone di chi ci vuole fare andare verso un’unica direzione: patriarcato, macho padrone!

Un’occasione, in vista dell’8 marzo, di proporre lo sciopero dai generi come pratica costitutivamente destabilizzante l machismo eteropatriarcale.

Le identità erranti, fluide, in transito, eccedenti la rigidezza dei generi rompono il binarismo e dissolvono la gerarchia basata sui ruoli di genere imposti. I corpi costitutivamente o-sceni, fuori dallo spazio del rappresentabile e del rappresentato, quando emergono sulla scena pubblica spezzano l’ordine del padre.
L’intersezione con la molteplicità delle esclusioni e dell* esclus* è sovversiva rispetto al mondo nel quale siamo forzat* a vivere, perché apre uno spazio di sperimentazione nella lotta.

La scommessa dello sciopero transfemminista rappresenta un’occasione importante per chiudere i conti con quel cocktail velenoso di miele, mimose e buoni sentimenti e costruire un momento di lotta ampio, anticapitalista, libertario. Uno dei tanti punti di innesco di un conflitto diffuso e quotidiano, per estirpare le radici simboliche e materiali del patriarcato.
Povertà, violenza, attacco all’aborto, gabbie familiari sono gli anelli di una catena che segna la vita delle donne e delle non-conformi. Questa catena è divenuta sempre più robusta e stringente.
La precarietà del lavoro femminile, la minor retribuzione, rendono il salario delle persone riconosciute socialmente come donne meno importante di quello degli uomini e le ricacciano nella gabbia familiare, una gabbia che, con la crisi pandemica, si è stretta sempre più. Le politiche familiste che hanno segnato l’agire dei governi di questi anni, coniugate con la maggiore precarietà della condizione lavorativa femminile, ha aperto una voragine, che sta inghiottendo la libertà di tantissimə.

La gabbia familiare è il terreno dove ri-fondare l’ordine patriarcale, incrinato dai percorsi di libertà di tuttə. Percorsi che, in ogni angolo del pianeta, hanno scatenato una guerra senza esclusione di colpi. Una guerra che si esplicita sia nelle leggi, sia nella crescente violenza misogina che attraversa le società.

Preti e fascist sguazzano in questo pantano, che apre ulteriori voragini negli spazi di autonomia delle persone non etero cisgender. Le destre razziste e misogine vorrebbero che chiunque ha una vagina adempiesse al ruolo di fattrice dellu figliu per la patria, come contrappeso alla presenza dellu bambinu natu qui da genitoru immigrat, all’insegna del binomio sangue e terra, che fonda ogni identità escludente.

Le destre, ma non solo, sostengono il capitalismo e la divisione in classi, ma li vorrebbero mitigati da un forte stato etico, saldamente fondato sulla famiglia, sulla nazione, sulla religione. Dio, patria, famiglia, un assioma che non disturba gli affari ma rimette in ordine il mondo.
Questa formula funziona bene in un modello bellico, dove la guerra è orizzonte perenne. Il nemico è lo straniero, l’estraneo, l’immigrato, ma soprattutto tutt* quell* che si sottraggono alla norma, alla legge del padre, alla gerarchia basata sui ruoli imposti in base al sesso attribuito alla nascita, al binarismo di genere, alla prigione identitaria.

La guerra rappresenta la summa del machismo eteropatriarcale: la violenza viene istituzionalizzata e “normalizzata” negli eserciti. Massacri, stupri, devastazioni sono attività inscritte nello spazio materiale e simbolico dell’eroismo patriottico.

“contro tutti i maCISmi, contro tutti gli imperialismi”!

Facciamo strike a preti, eserciti, fascist, poliziott!

 

Contatti:
Federazione Anarchica Torinese
corso Palermo 46
Riunioni – aperte agli interessati – ogni mercoledì dalle 20,30
Contatti: fai_torino@autistici.org – @senzafrontiere.to/

Wild C.A.T. Collettivo Anarco-Femminista Torinese
corso Palermo 46 – @Wild.C.A.T.anarcofem

Iscriviti alla nostra newsletter, mandando un messaggio alla pagina FB oppure una mail

scrivi a: anarres@inventati.org

Dettagli

Data:
Marzo 5
Ora:
15:00 - 20:00

Luogo

torino