Search
Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Jesi: CineforumLibertario. Proiezione di “Leningrad Cowboys go America”

Aprile 14 @ 20:45 - 23:00

CineforumLibertario, lo stesso angolo, visto dal passante che incrociamo.
al Centro Studi Libertari “Luigi Fabbri” di Jesi.
Via Pastrengo 2 (accanto alla scuola di musica).
________________________________

Apertura sede: 20.45,
Inizio proiezioni: 21.00,
________________________________

– giov. 14 aprile
Leningrad Cowboys go America
di A. Kaurismaki
(1989) 78 min.

Una band di strimpellatori nordici – di nero vestiti con occhiali neri
alla Blues Brothers, scarpe dalla punta incredibilmente allungata come
il ciuffo di capelli a trapano – vanno in America a cercar fortuna e
l’attraversano sino al Messico. Questo film di strada – comicità
demenziale con una dose di umorismo macabro diluita in un gran
bicchiere d’indifferenza – è anche una traversata della musica pop
americana che abbraccia quasi tutto l’immaginario musical-culinario
della gioventù europea colonizzata nell’anima dall’imperialismo
culturale degli USA.

________________________________

– giov. 21 aprile
La ragazza d’autunno [orig. Dylda]
di K. Balagov
(2019) 120 min.

Leningrado, 1945. La guerra è finita ma l’assedio nazista è stato
feroce e la città è in ginocchio. Iya è una ragazza bionda, timida e
altissima, che ogni tanto si blocca, per un trauma da stress. Lavora
come infermiera in un ospedale e si occupa del piccolo Pashka. Ma
quando la vera madre del bambino, Masha, torna dal fronte, lui non c’è
più. Spinta psicologicamente al limite dal dolore e dagli orrori
vissuti, Masha vuole un altro figlio e Iya dovrà aiutarla, a tutti i
costi.

________________________________

– giov. 28 aprile
Parola di Dio [orig. (M)uchenik]
di K. Serebrennikov
(2016) 118 min.

Veniamin non è come gli altri studenti del liceo che frequenta. Benché
animato da uno spirito polemico e ribelle, la sua ribellione non va
nella direzione caratteristica della sua età, non pretende più
libertà, più equità e meno imposizioni ma semmai più regole. Le regole
che vuole fare imporre sono a suo dire le uniche che valga la pena
rispettare, quelle cioè della Bibbia. Citando a memoria ampi tratti
Veniamin riesce ad imporre l’uso del costume intero invece del bikini
nell’ora di educazione fisica e poi prende di mira l’insegnante di
biologia. Protesta contro l’educazione sessuale libertaria e
anticoncenzionale da lei impartita e poi anche contro il fatto che
insegni l’evoluzionismo.

________________________________

sarà osservato distanziamento sociale,
uso mascherina,
presenze contingentate
________________________________
Ad entrata gratuita, come sempre

=================================

Dettagli

Data:
Aprile 14
Ora:
20:45 - 23:00

Luogo

jesi