Search
Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Alessandria: L’Italia è in guerra?! A fianco dei disertori russi e ucraini boicottiamo il militarismo

Novembre 27 @ 16:00 - 20:00

LABORATORIO ANARCHICO PERLANERA

Via Tiziano Vecellio 16

DIBATTITO CONTRO TUTTE LE GUERRE

ore 16.00

INTERVERRA’
MARIA MATTEO DELLA FEDERAZIONE ANARCHICA TORINESE.
SOLIDARIETA’ alle migliaia di disertori russi chiamati in guerra dal governo del regime di Putin che massacra il popolo ucraino e reprime duramente il dissenso interno,
MINACCIANDO ANCHE L’UTILIZZO DELLE ARMI NUCLEARI.
La stessa SOLIDARIETA’ va espressa ai disertori in Ucraina che si rifiutano di partecipare ad un massacro voluto dagli opposti imperialismi di
RUSSIA E NATO.
Il 27 novembre Maria Matteo, della Federazione Anarchica Torinese, parlerà di quanto sta succedendo intorno al conflitto, che a noi non è dato sapere anche se la guerra rischia di coinvolgerci direttamente, alla luce di una minima analisi dell’Italia nello scacchiere mondiale, senza dimenticare il ruolo non marginale dell’economia bellica portato avanti dallo Stato Italiano.
La politica del governo italiano, l’attuale e di quelli che lo hanno preceduto, non ha mai pensato minimamente di ripudiare la guerra! Gli invii di armi all’Ucraina non sono che l’ultima riprova di una prassi continuativa, ipocrita e colpevole.
Che ci siano soldati dell’esercito italiano disseminati nelle zone calde nel mondo allo scopo di proteggere gli interesse della NATO e delle aziende nazionali come ENI, è risaputo da anni!! Che questi contingenti bellici presenti nei conflitti, guarda caso, compaiono dove ci sono determinate aziende Italiane, è cosa altrettanto risaputa!
Che una delle aziende con il maggior utile in Italia a partecipazione statale è, guarda caso, l’industria delle armi. Gli ordigni che sono disseminati in buona parte dei conflitti mondiali sono di fabbricazione italiana, anche questa è cosa ultra risaputa!
L’aeronautica militare statunitense ha firmato un contratto da
177 milioni di dollari con Collins Aerospace
(che ha uno stabilimento a Torino)
per potenziare le antenne e le apparecchiature elettroniche che assicurano al
Pentagono la trasmissione degli ordini di guerra nucleare
dalla Base di Sigonella .
Se malauguratamente dovesse scoppiare la guerra
nucleare il nostro paese sarebbe in prima fila.
Bombe atomiche sono anche nelle basi di
Ghedi e Aviano.
Parliamone! Perché
Essere contro la guerra, per noi, non è solo essere contro l’invio di armi in Ucraina, è essere contro le industrie belliche e la partecipazione italiana al potenziamento bellico mondiale,
COMBATTERE IL MILITARISMO OGGI SIGNIFICA IMPEDIRE IL PEGGIO !!!

Dettagli

Data:
Novembre 27
Ora:
16:00 - 20:00

Luogo

alessandria