Search

Note sul Messico – Quando e perché si è fottuto un paese

Note sul Messico – Quando e perché si è fottuto un paese
Claudio Albertani, Fabiana Medina, “In che momento si è fottuto il Messico?”, quaderni di Collegamenti per l’Organizzazione Diretta di Classe, luglio 2021. Messico, paese in cui la violenza omicida padronale, statale e patriarcale raggiunge livelli inauditi ma, anche, paese fecondo di utopie e di movimenti di ribellione. In questo saggio, agile ma esauriente, Claudio Albertani e Fabiana Medina ci permettono di fare il punto della situazione. Il titolo ricalca volutamente la domanda “In che momento si era fottuto il Perù” che Vargas Llosa mette in bocca al protagonista del suo romanzo “Conversazione nella Cattedrale”. In che momento, allora, si è... Leggi tutto

Indios senza Re

Indios senza Re
È appena stata pubblicata la seconda edizione, ampliata ed aggiornata, del libro di Orsetta Bellani Indios senza re – Conversazioni con gli Zapatisti e le Zapatiste su Autonomia e Resistenza, con prefazione di Raùl Zibechi. Ricco di illustrazioni, per complessive 140 pagine, è stato aggiornato dall’autrice fino all’estate 2019 rispetto alla precedente edizione del 2016. Ne viene fuori il quadro di una resistenza continua all’interno della costante costruzione di un vasto territorio autonomo e autogovernato. Per richieste contattare le edizioni La Fiaccola: info@sicilialibertaria.it “Pensare che sia stato un piccolo gruppo di meticci urbani a plasmare i popoli maya nella costruzione... Leggi tutto

Allarme per il Chiapas

Allarme per il Chiapas
La presentazione in diverse località del libro “Eternamente straniero” (BFS edizioni) è stata una bella occasione sia per ascoltare direttamente dalla voce dell’autore l’esperienza di – come recita il sottotitolo – “un medico napoletano nella Selva Lacandona”, sia per socializzare le ultime, preoccupanti, notizie provenienti dal Chiapas zapatista. Infatti, a venticinque anni dall’insurgencia del 1° gennaio 1994 e dal conseguente movimento di solidarietà internazionale verso le comunità indigene e il movimento armato zapatista, molte cose cose sono cambiate ed anche l’attenzione politica mainstream è andata calando, magari indirizzandosi verso altre lotte di liberazione, come quella kurda, e la scoperta di... Leggi tutto

Chiapas

Chiapas
A 25 anni dall’insurrezione zapatista in Messico ci pareva importante pubblicare un articolo di riflessione sulla situazione attuale di quel movimento di liberazione che, nonostante limiti e passaggi che da anarchici e anarchiche non possiamo non criticare (vedi ad esempio la scelta fatta alcuni anni fa di sostenere una candidata indigena alle elezioni presidenziali), continua a rappresentare un movimento reale che dal basso cerca di costruire giorno per giorno una società più libera e solidale. Per questo abbiamo chiesto ad un compagno della Cooperativa Malatesta (da anni impegnata in progetti di solidarietà con il Chiapas ribelle) un contributo. La redazione Gli zapatisti del Chiapas hanno da... Leggi tutto

La rivoluzione dietro l'angolo

La rivoluzione dietro l'angolo
Il libro di Michele Presutto, La rivoluzione dietro l’angolo: gli anarchici italiani e la Rivoluzione messicana, 1910-1914, Foligno, Editoriale Umbra, 2017 (euro12,00) sviluppa un tema finora ben poco trattato dalla storiografia, quello del difficile rapporto tra il Partido Liberal Mexicano dei fratelli Ricardo ed Enrique Flores Magón ed il movimento anarchico italo-americano nel corso della Rivoluzione messicana. Il movimento magonista aveva attivamente lavorato negli anni precedenti per suscitare una rivoluzione in Messico, soprattutto grazie all’abile opera organizzativa di Práxedis Guerrero; quando il 20 novembre 1910 Francisco Madero dà il via al moto generale contro il ditttatore Porfirio Diaz lo stesso... Leggi tutto

Una parola dalla P.I.R.A.T.A. sull'assassinio di alcuni membri del CODEDI

Una parola dalla P.I.R.A.T.A. sull'assassinio di alcuni membri del CODEDI
Da vari luoghi del mondo, 15 febbraio 2018 “per esempio che il dolore non mi spenga la rabbia, che l’allegria non smonti l’amore mio, che gli assassini del popolo trangugino i loro molari canini e incisivi e si mordano giudiziosamente il fegato” Uomo che guarda il cielo, Mario Benedetti Ancora una volta le pallottole graffiano l’aria scura nell’interminabile notte criminale del Messico. Ancora una volta il sangue del popolo irriga la terra umida di questo paese dolente. Lunedì 12 febbraio, nella strada federale di Miahuatlan (Oaxaca) raffiche di fucili d’assalto hanno colpito ripetutamente l’auto dei fratelli del Comitato di Difesa... Leggi tutto

Salvador e la sua radio ribelle

Salvador e la sua radio ribelle
Haujuapan de León‭ ‬-‭ ‬Oaxaca‭ ‬-‭ ‬Messico.‭ ‬Salvador Olmo García,‭ ‬31‭ ‬anni,‭ ‬anarchico,‭ ‬giornalista radiofonico,‭ ‬attivista,‭ ‬cantante e pioniere del movimento anarco-punk a Haujuapan,‭ ‬nella mattinata di domenica scorsa è stato ferito a morte.‭ ‬I soccorsi sono stati allertati alle‭ ‬4.40‭ ‬del mattino dalla stessa polizia Municipal.‭ ‬È morto per una eccessiva quantità di aria nel pneumotorace e sono state riscontrate fratture al setto nasale e all’omero destro. ‭“‬Chava‭”‬,‭ ‬con questo nome era conosciuto tra amici e parenti,‭ ‬era un conduttore della radio comunitaria Tuun Ñuu Savi‭ (‬parola del popolo della pioggia‭)‬,‭ ‬con il programma Pitaya Negra,‭ ‬da‭ ‬15‭ ‬anni... Leggi tutto

Governo arresta, sgombera e provoca

Governo arresta, sgombera e provoca
In Italia non se ne parla ma in Messico dal 15 maggio la lotta di maestre e maestri della CNTE sta scuotendo il paese. Uno sciopero senza fine è iniziato lunedì 16 maggio e sta continuando e la mobilitazione si allarga.   Manifestazioni, presidi, cortei, blocchi stradali, assemblee e le mille forme della creatività della protesta si alternano quotidianamente in diversi stati del paese, oltre che nella capitale Città del Messico. La riforma educativa altro non è che una riforma del mondo del lavoro nella scuola: attraverso un esame comune in tutti gli stati verranno attribuiti orari di lezioni e... Leggi tutto

Denuncia pubblica della Federazione Anarchica del Messico di intimidazioni della polizia nei confronti di due suoi aderenti

Denuncia pubblica della Federazione Anarchica del Messico di intimidazioni della polizia nei confronti di due suoi aderenti
All’opinione pubblica Alle organizzazioni sociali Al movimento anarchico mondiale La Federazione Anarchica del Messico vi scrive per farvi conoscere le vessazioni della polizia nei confronti di due membri della nostra organizzazione. Il 3 febbraio alle 3 del pomeriggio due uomini, che si sono identificati come agenti di polizia, si sono presentati al domicilio di un membro della Federazione Anarchica del Messico (FAM) chiedendo se si trovasse in casa. A quanto pare sono arrivati ​​a piedi e nelle mani avevano una sua fotografia. L’11 febbraio all’una del pomeriggio su una berlina, colore grigio oxford, quattro uomini sono arrivati a casa di... Leggi tutto