Search

Black Lightning e la Figlia “Statuaria”

Black Lightning e la Figlia “Statuaria”
In questi ultimi numeri, Umanità Nova ha affrontato la questione delle vestigia di un passato inquietante, controversia che si è evidenziata sia nel belpaese con la questione della statua milanese dedicata all’ineffabile, anzi per dirla tutta oggettivamente discutibile Indro Montanelli, sia soprattutto all’interno della enorme rivolta sviluppatasi nella società statunitense dopo l’assassinio di George Floyd, dove la questione della rimozione delle statue dedicate a personaggi a dir poco razzisti è stato uno dei punti che si sono evidenziati. La faccenda, nella società statunitense, non è però cosa nuova: la questione delle statue dedicate a personaggi caratterizzati da una forte impronta... Leggi tutto

Legami di sangue

Legami di sangue
BUTLER, Octavia, Legami di Sangue, Milano, Mondadori, Collezione Urania 1238, 1994 (Titolo Originale Kindred) Octavia Estelle Butler (Pasadena, 22 giugno 1947 – Washington, 24 febbraio 2006) autrice afroamericana di fantascienza statunitense, ha vinto sia il Premio Hugo sia il Premio Nebula e nel 1995 è diventata la prima (e fino al 2003 unica) scrittrice di fantascienza a ricevere il Premio MacArthur. Il suo testo Legami di Sangue (1979) diventato un best seller che ha venduto oltre 450.000 copie, venendo definito dai suoi colleghi scrittori contemporanei “raro artefatto magico” (Harlan Ellison) o “esempio di come la fantascienza può superare i suoi... Leggi tutto

I figli degli uomini

I figli degli uomini
I figli degli uomini (Children of Men) – 2006 diretto da Alfonso Cuarón. Dall’omonimo romanzo del 1999 della scrittrice britannica P. D. James. Londra 2027, notiziario: “Ratificata la legge sulla sicurezza nazionale. Dopo 8 anni i confini britannici restano chiusi. Continuerà la deportazione di immigrati illegali”. “Il mondo è oggi sconvolto per la morte di Diego Ricardo, la persona più giovane del pianeta. Baby Diego è stato accoltellato all’esterno di un bar di Buenos Aires dopo essersi rifiutato di firmare un autografo (…) aveva 18 anni, quattro mesi, sedici ore e otto minuti”. Da ormai 18 anni l’umanità è destinata... Leggi tutto

El Hoyo (Il Buco)

El Hoyo (Il Buco)
El Hoyo (Il Buco), regia di Galder Gaztelu-Urrutia (2019 – Spagna) “Il personale, come tutti amano dire, è politico. Così se qualche uomo politico idiota, qualche giocoliere del potere, cerca di attuare politiche che danneggiano voi o i vostri cari, PRENDETELA A LIVELLO PERSONALE. Incazzatevi. La Macchina della Giustizia non vi servirà: è lenta e fredda, e appartiene a loro, hardware e software. Solo i piccoli individui soffrono per mano della Giustizia; le creature del potere ne guizzano via con una strizzata d’occhio e un sorriso. Se volete giustizia, dovrete strapparla con gli artigli. Mettetela sul piano PERSONALE. Fate tutti... Leggi tutto

Gli uomini e il fuoco

Gli uomini e il fuoco
Come ricordavo nel mio precedente articolo, la fantascienza distopica, ormai da oltre un 50ennio ci mette in guardia dalle possibili conseguenze di un pervasivo controllo sociale. Il tema del controllo sociale totale si sviluppa sia nel filone cyberpunk, sia nella SF tradizionale, e si concretizza prevalentemente attraverso la manipolazione sensoriale o comunque attraverso un forte condizionamento e parliamo ovviamente di un utilizzo reazionario implicito a tali manipolazioni. Tutta la letteratura “dickiana” ha ispirato, attraverso il tema della manipolazione/falsa percezione della realtà, una innumerevole serie di autori e sceneggiatori televisivi o cinematografici (ad alcuni esempi, che già tracciavamo in articoli... Leggi tutto

Dave Eggers – Il Cerchio

Dave Eggers – Il Cerchio
EGGERS, Dave, Il Cerchio, Milano, Mondadori, 2013. – I segreti sono bugie – Condividere è prendersi cura – la privacy è un furto Questi gli slogan della più potente società di IT (information Technology) del mondo – The Circle, nel romanzo di fantascienza distopica di Dave Eggers del 2013. Annullamento di se stessi, abolizione della privacy, continua e incessante condivisione di tutta la propria vita. Se hai segreti di cui vergognarti o che possano essere deleteri per la convivenza, puoi condividerli e liberarti scoprendo che non sono solo i tuoi segreti; oppure sarai controllato costantemente, qualsiasi sia il tuo ruolo... Leggi tutto

L’ultimo degli uomini

L’ultimo degli uomini
Margaret Atwood – L’ultimo degli uomini (Oryx and Crake) – Ponte alle Grazie, 2003 – Primo romanzo della trilogia dei “MaddAddam” L’universo distopico creato da Margaret Atwood è in realtà un pretesto per descrivere e denunciare la condizione di sfruttamento dei minori, fra prostituzione e lavoro forzato; per descrivere un mondo sempre più polarizzato, per denunciare l’eugenetica, la devastazione ambientale. Un mondo diviso fra recinti protetti da eserciti mercenari al soldo di multinazionali dedite principalmente alla ricerca scientifica e farmaceutica, allo sviluppo di ogm ed eugenetica da un lato e le immense “plebopoli” dove la malattia, lo sprezzo della vita... Leggi tutto

Distopia, malattia e lotta di classe

Distopia, malattia e lotta di classe
Per Wahloo, L’epidemia, Einaudi, 2014 Nella letteratura fantascientifica, uno dei moduli letterari o temi narrativi che ha riscosso molto successo è quello distopico, ovvero la descrizione di una società altamente ostile, antiumana e angosciante. Difatti i giorni che stiamo vivendo, ci riportano pienamente all’interno del genere in questione. I tempi del coronavirus, e del clima spettrale che viviamo, ci proiettano senza dubbio all’interno della distopia pura. Alcuni autori hanno già immaginato, con grande intuito, racconti che ribaltano la condizione di fortezza Europa, dove, l’incontrollata diffusione del coronavirus in Occidente spinge le popolazioni europee a rifugiarsi in Africa, con qualsiasi mezzo,... Leggi tutto

Un eterno presente? Blade Runner (1968)

Un eterno presente? Blade Runner (1968)
DICK, Philip K. – Il Cacciatore di Androidi (Blade Runner) (1968). “Dovunque andrai, ti si richiederà di fare qualcosa di sbagliato. È la condizione fondamentale della vita essere costretti a far violenza alla propria personalità. Prima o poi, tutte le creature viventi devono farlo. È l’ombra estrema, il difetto della creazione; è la maledizione che si nutre della vita. In tutto l’universo.” Anno 2019 , Los Angeles. Una guerra devastante ha messo in ginocchio il pianeta terra in preda a frequenti piogge di polvere radioattiva. Il mondo è ormai diviso fra esseri umani, altri esseri detti “speciali” (in realtà esseri... Leggi tutto

Un eterno presente? – Elysium (2013)

Un eterno presente? – Elysium (2013)
Elysium (2013) – Film scritto e diretto da Neill Blomkamp, con Matt Damon e Jodie Foster Anno 2154 : gli esseri umani sono divisi in due classi : i super ricchi che vivono su una stazione spaziale in ville lussuose, scuole esclusive e , dove grazie agli sviluppi tecnologici e medici, non esistono malattie incurabili, mentre gli emarginati, i poveri e gli operai vivono sulla terra ormai ridotta ad un luogo invivibile , sovrappopolato e con un alto tasso di mortalità dovuto all’inquinamento atmosferico e ambientale. Su Elysium (questo il nome della immensa stazione orbitale abitata dai potenti) , è... Leggi tutto

Le tre parole che cambiarono il mondo

Le tre parole che cambiarono il mondo
AUGÈ, Marc, Le Tre Parole che Cambiarono il Mondo, Varese, Raffaello Cortina Editore, 2016 (Titolo originale La Sacrèe Semaine qui Changea la Face du Monde). Marc Augè è etnologo, antropologo e già presidente dell’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales fino al 1995. Il racconto “Le Tre parole che Cambiarono il Mondo”, ascrivibile interamente al genere fantascientifico utopico è stato scritto nel 2016 ed i fatti cui si riferisce sono avvenuti 2 anni dopo (l’anno scorso, insomma…). 1 aprile 2018, giorno di Pasqua, Città del Vaticano. Migliaia di fedeli attendono in piazza San Pietro il discorso Urbi et orbi di... Leggi tutto

Alessandro Bresolin, Dromomaniacon

Alessandro Bresolin, Dromomaniacon
La Fantascienza è una forma di letteratura popolare – per nulla nel senso spregiativo del termine – nata non casualmente con la società industriale, perché la sua specifica forma narrativa ha permesso e permette tuttora di rappresentare le potenzialità ed i timori degli uomini di fronte ad una situazione che modifica di continuo, in una maniera mai vista prima, le condizioni materiali di vita di ogni essere umano. È facile notare la forte presenza dell’anarchia – intesa sia come appartenenza ideologica e talvolta militante dei singoli scrittori, sia come tematica narrativa che va di là di questi, pur numerosi. Queste... Leggi tutto

Utopia morbida

Utopia morbida
La Fantascienza è una forma di letteratura popolare – per nulla nel senso spregiativo del termine – nata non casualmente con la società industriale, perché la sua specifica forma narrativa ha permesso e permette tuttora di rappresentare le potenzialità ed i timori degli uomini di fronte ad una situazione che modifica di continuo, in una maniera mai vista prima, le condizioni materiali di vita di ogni essere umano. È facile notare la forte presenza dell’anarchia – intesa sia come appartenenza ideologica e talvolta militante dei singoli scrittori, sia come tematica narrativa che va di là di questi, pur numerosi. Queste... Leggi tutto

Fantascienza e anarchia-9

Fantascienza e anarchia-9
Norman Spinrad – Ore 11: sequestro in diretta. Come occupare una stazione TV e vivere felici (Ed. Fanucci, 1994) – Titolo originale : “Pictures at 11” “Entro cento o duecento anni la Terra sarà inabitabile. Ma cosa possiamo fare? E chi se ne frega? Allora saremo tutti morti comunque.” Una smorfia, un sorrisino malvagio. «Certo qui nell’assolata California del Sud dove non piove mai, abbiamo già visto i graffiti sui muri, non è vero? Si rischia la vita a prendersi l’abbronzatura, stiamo finendo l’acqua, per quanto ci sforziamo lo smog continua a peggiorare, ci sono incendi spontanei quasi tutto l’anno,... Leggi tutto

Marge Piercy, "Cybergolem"

Marge Piercy, "Cybergolem"
La Fantascienza è una forma di letteratura popolare – per nulla nel senso spregiativo del termine – nata non casualmente con la società industriale, perché la sua specifica forma narrativa ha permesso e permette tuttora di rappresentare le potenzialità ed i timori degli uomini di fronte ad una situazione che modifica di continuo, in una maniera mai vista prima, le condizioni materiali di vita di ogni essere umano. È facile notare la forte presenza dell’anarchia – intesa sia come appartenenza ideologica e talvolta militante dei singoli scrittori, sia come tematica narrativa che va di là di questi, pur numerosi. Queste... Leggi tutto
1 2 3